Adulterazione Intenzionale Normativa Americana: Che cosa è?

Adulterazione Intenzionale Normativa Americana: Che cosa è?

L’adulterazione intenzionale degli alimenti è un’azione volontaria atta a contaminare il prodotto che può avvenire da personale esterno ed interno all’organizzazione.

Norma Americana Adulterazione Intenzionale a Difeta degli Alimenti

FDA con la norma Food Safety Modernization Act (FSMA), 21 CFR, ha aggiornato i requisiti della sicurezza alimentare americana inserendo obbligatoriamente, a  differenza del comparto europeo,  una regola specifica contro l’adulterazione intenzionale degli alimenti.

La norma americana contro l’adulterazione intenzionale degli alimenti ripercorre i principi della food defense applicati agli standard internazionali per la sicurezza alimentare, ma definendone chiaramente i requisiti richiesti.

Tutte le organizzazioni della filiera produttiva agroalimentare americana dovranno condurre un’apposita valutazione del rischio per l’adulterazione intenzionale degli alimenti prodotti e delle materie prime associate.

L’entrata in vigore del requisito americano sull’adulterazione intenzionale degli alimenti è fissato a luglio 2019 per le aziende sopra i 500 dipendenti e per le realtà più piccole da luglio 2020 a luglio 2021.

Adulterazione intenzionale degli alimenti: che cosa devi sapere?

FDA a messo a disposizione dei produttori uno strumento per effettuate la valutazione del rischio adulterazione internazionale degli alimenti e difesa del prodotto. Gli step di implementazione della norma americana sull’adulterazione intenzionale risultano essere ben diversi da quelli richiesti dagli standard per la sicurezza alimentare Brc ed Ifs. Vediamoli:

  • Effettuare una valutazione dei rischi inerenti alla materie prime utilizzate, applicando azioni di mitigazione del rischio su quelle materie/fornitori considerate a rischio vulnerabilità;
  • Effettuare una valutazione dei rischi sulle strutture, comprese utenze di servizio, acqua, energia elettrica, aria, fognature, gas, individuare le vulnerabilità di tali aree ed applicare azioni atte a eliminare il rischio di adulterazione intenzionale;
  • Effettuare una valutazione dei rischi sui processi effettuati, considerando i fattori diretti e intrinsechi;
  • Formare tutte le risorse rispetto a quanto richiesto dalla norma americana contro l’adulterazione internazionale degli alimenti;
  • Effettuare un audit documentale, e test di accesso intrusione per verificare la validità delle azioni implementate;
  • Rivedere e mantenere aggiornate le azioni di mitigazione del rischio almeno annualmente in sede di riesame, non conformità, o risultanze di audit non soddisfacente, e mantenere aggiornate le storicità correlate sulla vulnerabilità di un determinato alimento o materia prima.

Vuoi ricevere informazioni sui nostri servizi? Prenota una call con un nostro tecnico.

Adulterazione intenzionale: quali fattori devono essere valutati?

Come sempre FDA traccia delle linee ben chiare atte ad uniformare la valutazione ed il trattamento di una criticità. In questo caso inerente alla adulterazione intenzionale degli alimenti. FDA richiede per la valutazione della vulnerabilità il metodo CARVER + Shock. Vediamo di cosa si tratta:

  • Criticità: salute pubblica ed impatto economico dovuto all’azione;
  • Accessibilità: accesso fisico al cibo;
  • Recuperabilità: capacità del sistema di riprendersi dall’attacco;
  • Vulnerabilità: facilità di portare a termine l’attacco;
  • Effetto: quantità di perdita diretta dall’attacco;
  • Riconoscibilità: facilità di identificazione nella fase di processo;
  • Shock: effetto psicologico di un attacco.

Considerando i fattori più significativi, i tre elementi, quello sulla criticità, sull’accessibilità e sulla vulnerabilità del prodotto. Dando vari strumenti per la valutazione del rischio per l’adulterazione intenzionale degli alimenti specifici per il mercato americano.

Adulterazione intenzionale: siete pronti?

Come si denota da questo semplice articolo, un’azienda che abbia implementato e o certificato un sistema di gestione per una o più certificazioni alimentari non sarà pronta ai requisiti della norma americana sull’adulterazione intenzionale degli alimenti.

La valutazione dovrà essere specifica. E dovrà essere effettuata da un Food Defense Qualified Individual. Figura formata e riconosciuta per l’effettuazione della valutazione sull’adulterazione intenzionale degli alimenti. Da non scambiare con il Preventive Control Qualified Individual che si occuperà invece di redigere il Food Safey Plan.

Ricordiamo che il requisiti sulla valutazione dell’adulterazione intenzionale degli alimenti per il mercato americano è obbligatorio e non volontario. A tutela della salute dei consumatori in caso di adulterazioni intenzionali degli alimenti che possono provocare malattie alimentari su larga scala o morte.

CONTATTACI!! Se sei interessato all’argomento, esporti in USA, o devi implementare il Food Safety System inserendo la valutazione sull’adulterazione degli alimenti.

Hai Bisogno di Informazioni?

Prenota una Call con un Nostro Consulente

Richiedi una Quotazione. Scarica il Modulo Riempilo ed Inviacelo.

Iscriviti alla Newsletter

Articoli Correlati

sponsor

Ultimi Articoli

Scroll to Top
DESIDERI MAGGIORI INFORMAZIONI?