Cos’è la valutazione della conformità ambientale?

Valutazione della conformità ambientale

La valutazione della conformità ambientale è il processo atto a valutare il rispetto dei requisiti obbligatori ambientali. Tra gli scopi dell’auditing, troviamo la valutazione della conformità legislativa ambientale obbligatoria, richiesta dalla norma di certificazione ISO 14001.

Valutazione della conformità ambientale secondo la ISO 14001

Ogni azienda interagisce con l’ambiente: tale interazione è soggetta a determinati obblighi di conformità stabiliti dai governi, autorità locali, clienti ed organizzazioni di settore.

I Italia i requisiti portanti in materia di ambiente, sono definiti nel DLgs 152/06, denominato anche Testo Unico Ambientale.

Risulta fondamentale, quindi, nell’ambito del sistema di gestione ambientale valutare periodicamente la conformità comunicando i risultati al top management e sviluppando azioni correttive in caso di criticità.

Che cos’è la valutazione della conformità e come eseguirla secondo la ISO 14001? In questo focus, risponderemo a queste due domande.

Vuoi ricevere informazioni sui nostri servizi in ambito ambientale? Prenota una call gratuita con un nostro consulente.

Conformità ambientale grazie alla norma di sistema ambiente

La certificazione ambientale è volontaria ma, una volta che l’azienda ha deciso di adottarla, i requisiti diventano obbligatori. A pare degli obblighi ambientali riportati nel ‘Testo Unico Ambientale’. Gli obblighi di conformità sono talmente importanti che il top management si assume l’impegno attraverso un documento pubblico e ben visibile denominato Politica Ambientale.

Oggi giorno, è ancora più importante. Infatti l’attenzione all’ambiente è finalmente maturata. Un’organizzazione, non può più produrre solamente dando attendione ai profitti. L’ambiente è diventato fulcro di tutto. Importanti investimenti e possibilità di crescità saranno correlato alla transizione ecologica delle organizzazioni.

Opportunità unica per modernizzare i processi, con un ottica di economia circolare, per la protezione dell’ecosistema e l’abbattimento del cambio climatico.

La norma ambientale, definisce un sistema di due diligense, per la valutazione dei requisiti obbligatori e per quelli di sistema organizzativi. Per approfondire i requisiti sulla norma Iso 14001 puoi andare qui. Dopo aver determinato quali sono gli obblighi di conformità, l’organizzazione deve stabilire in che modo interagire con l’ambiente.

Gli obblighi definiti dal testo unico ambientale

Ogni organizzazione è soggetta al rispetto dei requisiti ambientali così come disposti dal Testo Unico Ambientale. I requisiti definiti dal Dlgs 152/06 possono essere così riassunti:

  • Valutazione di impatto ambientale;
  • Emissioni in atmosfera;
  • Immissioni in fogna;
  • Inquinamento acustico;
  • Rosrse nalutari;
  • Odori;
  • Inquinamento paesaggistico;
  • Elettro smog;
  • Radiazioni;
  • Rifiuti.

In realtà, gli impatti, sono di gran lunga maggiori e sarà necessario il rispetto a seconda del contesto in cui si trova l’organizzazione.

Che cosa è la valutazione della conformità ambientale?

La valutazione della conformità ambientale, consiste nel misurare periodicamente i requisiti degli obblighi di conformità con la reale situazione all’interno dell’organizzazione. L’azienda è tenuta ad aggiornare un elenco degli obblighi di conformità effettivamente applicabili e dei requisiti degli obblighi di conformità specifici visti sopra.

In seguito, sarà possibile valutare se l’organizzazione rispetti tali requisiti. In caso di non conformità (parziale o totale), tutte le situazioni critiche dovranno essere eliminate attraverso una serie di azioni correttive finalizzate a stabilire una condizione di conformità destinata a cambiare l’operatività dell’azienda creando una nuova realtà.

L’audit di verifica interno si basa su un campione, ma non basta per avere un quadro completo della situazione aziendale. Il controllo di tutti i requisiti degli obblighi di conformità dovrebbe essere effettuato da un responsabile ambientale con sufficiente competenza e secondo il rispetto delle linee guoda della norma Iso 19011.

Come si esegue la valutazione della conformità ambientale?

La valutazione della conformità ambientale si esegue in base ai requisiti previsti dalla clausola 9.1.2 della ISO 14001:2015. Base anche dei requisiti di altri schemi ambientali, come quello Emas ed Ecolabel. Ecco quali sono:

  • Frequenza della valutazione di conformità secondo le esigenze dell’azienda ed in base ai diversi settori economici. La frequenza si determina considerando anche le potenziali conseguenze della non conformità sull’ambiente;
  • Esecuzione della valutazione della conformità dopo aver accertato che la persona o il team responsabile sia o siano competenti, con conoscenza delle leggi e dell’attività dell’azienda. I risultati della valutazione devono essere conservati;
  • Reporting con i risultati della valutazione al top management che, a questo punto, non può dire di ignorare la situazione di conformità ambientale;
  • Azione necessaria se i risultati della valutazione mostrano una non conformità per eliminare le criticità e ripristinare lo stato di conformità;
  • Comunicazione con enti ufficiali, se applicabile;
  • Stato degli obblighi di conformità appreso dall’organizzazione che comprende la situazione effettiva.

L’importanza di una verifica della valutazione della conformità periodica

L’azienda deve chiedersi costantemente se e in che modo rispetta gli obblighi di conformità. Ricordando che la conformità totale nei confronti dei requisiti ambientali, non solo è necessaria per l’ottenimento e mantenimento della certificazione Iso 14001 o anche della certificazione EMAS.

Ma tutela l’azienda da possibili reati ambientali e protegge l’ambiente in cui si trova l’organizzazione. La risposta può darla una valutazione della conformità ambientale periodica che garantisca la consapevolezza della situazione effettiva da parte dell’organizzazione e del suo top management. Rispettare i propri impegni significa anche comunicare dati rilevanti e richiesti ad enti esterni competenti ed agire tempestivamente al fine di correggere eventuali inadempienze, non conformità (che siano parziali o totali).

Una corretta valutazione della conformità fa parte di un’attività di due diligence che può prevenire sanzioni, una cattiva reputazione o, peggio ancora, la chiusura di strutture imposta dalle autorità.

Torna su