Indicazione ingrediente primario

La Commissione Europea con il Regolamento di esecuzione Reg CE 775/2018 ha voluto approfondire alcuni principi sull’applicazione del Reg CE 1169/2011 ‘Informazioni ai Consumatori’, inerenti all’indicazione della provenienza ingrediente primario di un alimento.

Informazioni relative al paese di origine o luogo di provenienza dell’ingrediente principale contenuto in un alimento, per aumentare le informazioni e la fiducia dei consumatori sui prodotti, prevenire comportamenti illeciti che inducano in errore gli stessi consumatori, e tutelare la legalità dei prodotti.

Per questa indicazione deve essere tenute conto non solo delle descrizioni testuali. Ma vengono anche considerati immagini, rappresentazioni, simboli, termini e marchi che possono riportare chiaramente ad indicazioni geografiche.

Vediamo di seguito come deve essere individuato l’ingrediente primario e quelle che sono le differenze con l’ingrediente caratterizzante di un alimento.

Ingrediente primario ed ingrediente caratterizzante

Viene definito ingrediente primario qualsiasi ingrediente secondo le seguenti modalità, quantitativa, quanto una materia prima o sottoprodotto, costituisce oltre il 50% del cibo;

Qualitativa, quando, una materia prima o sottoprodotto, costituisce l’alimento è associato al nome dell’alimento, nei casi in cui il paese di origine o il luogo di provenienza di una materia prima o alimento, non sia lo stesso del suo ingrediente principale , ad esempio il cioccolato belga mentre i semi di cacao non provengono dal Belgio, come cita il regolamento:
Indicazione Provenienza ingrediente primario alimento Reg 775/2018

“… termini geografici inclusi nei nomi abituali e generici in cui tali termini indicano letteralmente l’origine ma la cui comprensione comune non è un’indicazione del paese di origine o del luogo di provenienza.”

Si definisce ingrediente caratterizzante,  materia prima o sottoprodotto che figura nella denominazione dell’alimento o sono associati allo stesso dal consumatori, utilizzando per esempio il quid. E’ molto frequente che un alimento primario sia anche un alimento caratterizzante.

Più espressamente il regolamento sull’indicazione ingrediente primario si applica ad alimenti e bevande che devono rispettare i seguenti requisiti:

  • Prodotti destinati ai consumatori finali;
  • Non appartenere a categorie già regolamentate da altri regolamenti, come carni, uova, olio, frutta, prodotti ittici ed altri;
  • Non appartenere ai prodotti certificati ed etichettati come biologici;
  • Non appartenere a marchi registrati e o denominazioni di origini protette e garantite;

Indicazione provenienza ingrediente primario Reg 775/2018

Per inserire l’indicazione ingrediente primario di un alimento ci sono diverse modalità, che l’OSA, sceglierà di applicare, che possono essere riassunte:
• Indicazione di provenienza da un’area geografica: “UE” , “non UE” o “UE e non UE” ;
• Indicazione specifica di provenienza da regioni o altra area geografica all’interno di più Stati membri o paesi terzi;
• Indicazione specifica di zone di pesca della FAO, mare o corpo d’acqua dolce;
• Indicazione dello stato (i) membro (i) o paese (i) terzo (i);
• Indicazione del paese di origine o il luogo di provenienza conformemente alle disposizioni specifiche dell’Unione applicabili per gli ingredienti primari in quanto tali.

Gli OSA possono inoltre utilizzare la seguente o simile dichiarazione per informare i consumatori: “nome dell’ingrediente principale provengono o non provengono da il paese di origine o il luogo di provenienza dell’alimento” .

L’inserimento ed indicazione in etichetta dell’origine degli ingredienti primari di un alimento deve comparire nel campo visivo principale sia esso fornito di parole o in forma non scritta, nella dimensione prevista dal Reg CE 1160/11, pari a 1,2 mm di altezza X o 0,9 mm di altezza x per le confezioni con una superficie inferiore a 80 cm2.

Implementazione ed entrata in vigore del regolamento per gli ingredienti primari

L’entrata in vigore del regolamento sulla provenienza dell’ingrediente primario in un alimento è fissata per la data del 01 Aprile 2020, dando la possibilità alle aziende di terminare le scorte delle etichette.

Gli osa devono però per farsi trovare pronti al cambio normativo dovranno aggiornare la loro procedura di progettazione ed emissione etichetta per renderla conforme a tale regolamento.

Si consiglia per le organizzazioni più strutturate, ove sia presente un sistema di gestione per le certificazioni alimentari, di effettuare l’aggiornamento e la conformità al regolamento per l’indicazione ingrediente primario quanto prima in quanto, interfacciando le loro realtà ai mercati internazionali, questo sarà sicuramente un importante strumento tutela dei consumatori sfruttabile anche commercialmente.

CONTATTACI!! Sei interessato alla tematica del Reg 775/2018, vuoi approfondirla? Vorresti che trattassimo particolari argomenti? Hai esigenza di effettuare un audit sul processo inerente all’etichettatura dei tuoi prodotti?

Ultimo aggiornamento il