Revisione del Sistema Haccp: come si effettua?

Revisione del Sistema Haccp: come si effettua?

La revisione del sistema haccp, è il processo fondamentale per la valutazione delle performance sui requisiti aziendali rispetto a HACCP ed anche HARPC. E’ un criterio obbligatorio per l’industria alimentare. L’effettuazione della revisione piano per la sicurezza alimentare assicura l’efficacia delle azioni a mitigazione dei pericoli alimentari individuati ed il rispetto dei requisiti per la sicurezza dei alimenti immessi sul mercato.

Revisione del sistema haccp sul piano per la sicurezza alimentare

Pianificare ed effettuare con la frequenza necessaria la revisione del sistema haccp è obbligatorio, come principio fondamentale, in ambito cogente e per i requisiti rischisti da sistemi di gestione più complessi per la certificazione alimentare.

Dal processo di riesame del sistema haccp non solo si valuteranno le performance del sistema rispetto ai requisiti. Ma si verificheranno l’insorgenza di pericoli emergenti. Nuovi processi. e o mutate condizioni su quelli esistenti.

Durante la revisione del sistema haccp si definiranno anche gli obbiettivi e le risorse necessarie, economiche, tecniche ed umane per raggiungerli.

Revisione del piano per la sicurezza alimentare: perché è importante?

Il riesame del sistema haccp non è solamente utile. E’ obbligatorio e necessario. Senza di esso. L’Osa non potrà fornire l’evidenza che il proprio sistema, comprensivo della valutazione dei rischi, sia in compliance con i processi effettuati ed i requisiti da rispettare.

Nell’implementazione del sistema di gestione per la sicurezza alimentare, dovranno essere definite le modalità, la frequenza ordinaria e le modalità straordinarie per l’effettuazione della revisione del piano per la sicurezza alimentare.

Nello specifico con il processo di riesame del sistema haccp si fornisce evidenza della verifica della coerenza e conformità ai processi aziendali ed ai requisiti applicabili. Secondo quanto definito nel manuale haccp o nel food safety plan, rispetto al contesto aziendale.

Possiamo quindi affermare che, seppur il rischio 0 non esista, un sistema per la sicurezza alimentare coerente, con ciò che l’azienda produce, deve essere mantenuto aggiornato,  come prevenzione dei pericoli alimentari, ed al rispetto dei requisiti applicabili per la sicurezza alimentare per l’immissione sul mercato di alimenti sicuri.

Vuoi ricevere informazioni sui nostri servizi? Prenota una call con un nostro tecnico.

>

Revisione del sistema Haccp: come devi strutturare il processo?

L’attività di riesame del sistema haccp deve essere proceduta da delle verifiche o audit, e dalla raccolta di tutte le evidenze riguardanti il periodo preso in oggetto di valutazione. L’obiettivo di effettuare un audit di verifica sul sistema per la sicurezza alimentare Haccp o Harpc, è quello di valutate lo stato di compliance rispetto ai requisiti applicabili.

Questa verifica può essere effettuata in un’unica sessione oppure suddivisa in più incontri, da una sola persona o da un team interdisciplinare, tutto ciò, ovviamente, basato sulla tipologia di organizzazione e dall’analisi dei rischi, dei requisiti applicabili e possono anche essere inseriti quelli del cliente.

I requisiti obbligatori e quelli volontari richiesti dalle norme internazionali per la sicurezza alimentare GFSI , richiedono una revisione del sistema haccp almeno annuale. Quindi, anche se la vostra organizzazione non fosse certificata con questi standard è di buona regola almeno una volta l’anno effettuare una revisione del piano per la sicurezza alimentare.

Possono esserci altri imput che richiedono il riesame del sistema haccp. Oltre le frequenze temporali, definite nel proprio sistema, la revisione del piano per la sicurezza alimentare, deve essere effettuata quando:

  • L’azienda implementi nuovi processi produttivi, ingredienti, metodi di stoccaggio o processi tecnologici, confezionamento, ecc;
  • Ci siano state modifiche sostanziali alle strutture, ed attrezzature dell’organizzazione che possono avere un’impatto sui processi e sui rischi applicabili;
  • Si cambi il fornitore delle materie prime, o uno di quelli già qualificati modifichi la propria composizione e, per esempio si evidenzi le presenza di sostanze allergeniche;
  • Si manifestino delle non conformità rilevanti e ripetitive, a seguiti di procedure di ritiro richiamo, errate etichettature, risultati sfavorevoli degli esami analitici sugli alimenti e sull’igiene, verbali a  seguito di ispezioni ufficiali e o audit di organismi di certificazione;
  • Misure di monitoraggio applicate, preventive inefficaci;
  • Modifiche dei requisiti normativi applicabili ed altri requisiti che richiedono un riesame del sistema haccp.

Revisione del sistema haccp ed harpc: gli input

La redazione da parte di un’organizzazione alimentare, di una procedura per la revisione del piano per la sicurezza alimentare e della sua gestione ed aggiornamento, deve essere composta e suddivisa secondo la valutazione dei rischi ed i seguenti criteri:

  1. Dati Dati ed evidenze sul monitoraggio dei processi, per il periodo preso in considerazione. Comprensive anche di reclami, non conformità, deviazioni in genere ed il loto trattamento. Audit ed ispezioni interne;
  2. Pericoli nuovi ed emergenti – La documentazione e la valutazione di tutti i potenziali rischi per la sicurezza alimentare, da tenere aggiornata e verificare il sussistere di nuovi od emergenti rischi. Pericoli e rischi che non sono stati identificati o valutati adeguatamente oppure l’inserimento di nuovi, processi, ingredienti, personale, attrezzature, rendessero necessaria una nuova valutazione.
  3. Revisione e conferma in campo del diagramma di flusso – I diagrammi dei flussi dei processi effettuati sono una rappresentazione pittorica del flusso e delle fasi di processo dell’attività. Verificare che il diagramma di flusso documentato corrisponda al processo reale in produzione. Apportare le eventuali modiche al diagramma validando con la firma del responsabile HACCP o del PCQI, se si trattasse di schemi HARPC.
  4. Ruoli e responsabilità – Ci sono state modifiche nel Team HACCP? O nella lista degli addetti, sono state definite nuove mansioni e responsabilità? Se il piano di sicurezza alimentare riporta i nomi effettivi dei dipendenti, è necessario verificare che questi siano tutti aggiornati. I documenti comuni da inserire nella bacheca, a disposizione delle risorse, potrebbero essere il team HACCP, il team di richiamo , l’organigramma, gestione dei contatti per le emergenze esterni ed interni.
  5. Modifiche agli standard di certificazione o ai requisiti legali – Quando un requisito legale, nel paese dove si produce e si commercializza, oppure se l’azienda fosse certificata secondo norme e o standard per la sicurezza alimentare, dopo una verifica della conformità sull’aggiornamento delle norme applicabili, si evidenziano superamenti di tali regolamenti, quindi si procederà ad applicare azioni correttive che possono portare all’intera revisione del piano.
  6. Fornitore e materie prime – Quando ci sono modifiche sostanziali sulle materie prime lavorante, fornitori, presenza allergeni, catena del freddo, camere bianche o altro, di conseguenza il sopraggiungere dei rischi e pericoli, 1, porterà ad una dovuta analisi degli stessi.

Riesame del sistema Haccp ed Harpc: gli output

Da quanto analizzato in precedenza l’organizzazione procede con la fase di revisione del piano per la sicurezza alimentare come segue:

  1. Definendo quelle che sono le azioni necessarie da intraprendere, qualora necessitino, per riportare in conformità il sistema Haccp. Intervenendo sul sistema, documentazione, valutazioni, autorizzative, analitiche, ed azioni in genere. Definendone risorse, responsabilità, tempistiche e modalità di verifica;
  2. Definendo le risorse necessarie per l’effettuazione in ambito tecnologico e strutturale, qualora ne necessiti;
  3. Definendo le attività di formazione necessaria, ordinaria e straordinaria qualora necessiti;
  4. Definendo in genere le risorse economiche e gli obbiettivi da raggiungere per il periodo seguente;
  5. Confermando, in caso di assenza di necessità, il piano per la sicurezza alimentare esistente;
  6. Definendo le attività di verifica ordinarie;

Il processo di revisione del piano per la sicurezza alimentare deve essere documentato. L’organizzazione in caso di interventi di modifica come output al riesame del sistema haccp dovrà definire le risorse, gli obbiettivi, le tempistiche e le verifiche dell’efficacia delle azioni intraprese.

La fase di riesame del sistema haccp è obbligatoria nei sistemi di gestione per la certificazione in ambito alimentare e spesso viene effettuata durante il riesame della direzione.

CONTATTACI!! Sistemi & Consulenze potrà assisterti nella revisione del piano per la sicurezza alimentare nei sistemi Haccp e Harpc.

Hai Bisogno di Informazioni?

Prenota una Call con un Nostro Consulente

Richiedi una Quotazione. Scarica il Modulo Riempilo ed Inviacelo.

Iscriviti alla Newsletter

Articoli Correlati

sponsor

Ultimi Articoli

Scroll to Top
DESIDERI MAGGIORI INFORMAZIONI?