Revisione del Piano di Sicurezza Alimentare

La revisione del piano di sicurezza alimentare

Il piano di sicurezza alimentare, che si tratti di un sistema HACCP o HAPRC, o di Sistemi più complessi, BRC IFS FSSC/ISO 22000, è l’insieme di analisi, procedure, monitoraggi, azione preventive e correttive necessarie per garantire ai consumatori prodotti sicuri. Possiamo quindi affermare che , seppur il rischio 0 non esista, un piano coerente con ciò che l’azienda produca mantenuto aggiornato è un ottima prevenzione nei confronti di problematiche igienico sanitarie.

Revisione del Piano di Sicurezza Alimentare

Definiamo alcuni punti per la revisione del piano di sicurezza alimentare

L’obiettivo di effettuare un audit sul piano di sicurezza alimentare è quello di garantire che lo stesso sia aggiornato, corretto, implementato e in grado di soddisfare i requisiti per una produzione alimentare sicura, questa verifica può essere effettuata in un’unica sessione oppure suddivisa in più incontri, da una sola persona o da un team interdisciplinare tutto ciò, ovviamente, basato dall’analisi del rischio e delle regole che ci siamo prefissati.

La frequenza di revisione

Per le norme internazionali per la sicurezza alimentare GFSI viene richiesta una revisione almeno annuale per il mondo FDA triennale, anche se la vostra azienda non fosse certificata su questi schemi è di buona regola almeno una volta l’anno effettuare una revisione completa del piano per garantirne l’adeguatezza.

Oltre le frequenze di revisione sopra scritte il piano di sicurezza alimentare obbligatoriamente va verificato quando:

  • L’azienda implementa nuovi processi produttivi, ingredienti, metodi di stoccaggio o processi tecnologici, confezionamento,..
  • Ci sono modifiche sostanziali alle strutture, ed attrezzature;
  • In azienda tra gli ingredienti figuri l’ingresso di sostanze allergeniche;
  • Ci sono delle non conformità rilevanti e ripetitive;
  • Misure di monitoraggio, preventive inefficaci;
  • Modifiche del piano normative.

Attività di revisione del piano di sicurezza alimentare

Ci sono molte attività che compongono il processo di revisione del piano di sicurezza alimentare, nelle aziende più strutturate queste sono suddivise nell’arco dell’anno ripetendo le attività di verifica sulle criticità più a rischio, con la revisione dei punti di controllo, metodi di monitoraggio, procedure preventive,…

  1. Pericoli nuovi ed emergenti

Incluso nel piano di sicurezza alimentare è la documentazione e la valutazione di tutti i potenziali rischi per la sicurezza alimentare, potrebbero risultare rischi nuovi o emergenti che non sono stati identificati o valutati adeguatamente oppure l’inserimento di nuovi, processi, ingredienti, personale, attrezzature, rendesse necessaria una nuova valutazione.

  1. Revisione e conferma in campo del diagramma di flusso

Il diagramma di flussi dei processi effettuati è una rappresentazione pittorica del flusso o delle fasi del processo dell’ attività dalla quale si parte per effettuare la valutazione dei rischi. Verificare che il diagramma di flusso documentato corrisponda al processo di flusso di produzione. Apportare le eventuali modiche al diagramma validando con la firma del responsabile HACCP o del PCQ si trattasse di schemi HAPRC.

  1. Ruoli e responsabilità

Ci sono stati cambiamenti nel Team HACCP? O negli addetti, sono state definite nuove mansioni e responsabilità? Se il piano di sicurezza alimentare riporta i nomi effettivi dei dipendenti, è necessario verificare che questi siano tutti aggiornati. I documenti comuni potrebbero essere il team HACCP, il team di richiamo , l’organigramma, gestione dei contatti esterni ed interni.

  1. Modifiche agli standard di certificazione o ai requisiti legali

Quando un requisito legale, nel paese dove si produce e si commercializza, oppure se l’azienda fosse certificata secondo norme e o standard per la sicurezza alimentare, dopo una verifica della conformità sull’aggiornamento delle norme applicabili, si evidenziano superamenti di tali regolamenti, quindi si procederà ad applicare azioni correttive che possono portare all’intera revisione del piano.

  1. Fornitore e materie prime

Quando ci sono modifiche sostanziali sulle materie prime lavorante, presenza allergeni, catena del freddo, camere bianche o altro, di conseguenza il sopraggiungere dei rischi e pericoli, 1, porterà ad una dovuta analisi degli stessi.

Contattaci!! Sistemi & Consulenze se vuoi assistenza per revisionare il tuo piano per la sicurezza alimentare o se vuoi formare il tuo team.

Condividi