PROSSIMA FRONTIERA EXPORT USA

Export USA…Tu vo fa l’americano?

A l’America piace sempre di più l’Italia ed i suoi prodotti infatti l’ export USA vola!!!

Ma, l’aumento delle importazioni da parte degli stati US, ha portato pericoli statisticamente crescenti, ed una necessaria armonizzazione delle normative di controllo, non potendosi più accontentare degli standard privati per la sicurezza alimentare, BRC, IFS, FSSC, GAP, il Governo USA tramite FDA, ha ‘creato’ uno schema, per l’armonizzazione appunto dei controlli e della documentazione richiesta sulle merci e sui fornitori in ingresso nel paese, pensionando il sistema HACCP, Hazard-Analysis and Control of Critical Points, aggiornandolo con il HARPC, Hazard Analysis and Risk-based Preventive Controls for Human Food.

Export USA

Il FSMA, Food Safety Modernization Act, si basa appunto sul sistema HARPC, un sistema di controlli e validazioni più attivo reattivo focalizzato alla prevenzione e non solamente alle azioni correttive per riportare situazioni con conformità, diventa fondamentale l’uso del prodotto dando un taglio ad analisi dei rischi fantomatiche basate solo su analisi analisi analisi di laboratorio.

In Europa si sa siamo molto bravi a far casino, basti pensare che le linee guida dei PRP sono uscite lo scorso anno!! La dice lunga sulla marea di interpretazioni documentali, che i broker si trovavano a dover comprendere!!

Dal punto di vista documentale c’è da dire che un’azienda certificata BRC IFS copre la gran parte delle richieste del Food Safety Plan, ma c’è un’organizzazione documentale unica, rilasciata direttamente da FDA, senza lanciarsi in creazioni creative assurde, e l’identificazione e formazione della figura del PCQI, Preventive Control Qualified Individual, responsabile della realizzazione del Plan e della supervisione delle procedure.

Ovviamente questo nuovo regolamento non si applica a tutte le realtà, ovvero rimangono esclusi i settori già normati.

In pratica il Food Safety Plan per l’ export USA..

Export USA

Dopo la registrazione triennale tramite sito di FDA, dove verrà inquadrata la ‘grandezza’ aziendale, i prodotti commercializzati in US e la figura dell’ US Agent si procederà con la redazione del Plan da parte del PCQI e del Safety Team. Segue un breve sunto del Food Safety Plan per lo specifico prodotto da inviare con le dovute registrazioni entro 3 giorni dalla richiesta o preventivamente al broker/cliente:

  • Presentazione Aziendale , una sorta di analisi del contesto della realtà aziendale;
  • Food Safety Team, gruppo per la sicurezza alimentare comprensico di PCQI;
  • Descrizione del prodotto, caratteristiche chimiche, fisiche, biologiche, shell life, uso, utilizzo, conservazione, trasporto, ingredienti, allergeni, claims,…
  • Diagramma di Flusso, Approvato dall’azienda e dal PCQI;
  • Analisi dei pericoli, Biologico, Chimico, Fisico, Economico;
  • Preventive Control, misure di controllo, PRP, GMP, CP, CCP…;
  • Process Preventive Control, i controlli di processo;
  • Allergen Preventive Control, controlli preventivi per la gestione del cross Contact degli allergeni, i big 8;
  • Sanitation Preventive Control, le misure di controllo della sanificazione;
  • Supply Chain Preventive Control, le misure di controllo per l’accreditamento dei fornitori, catena di custodia;
  • Recall Plan, piano di richiamo ritiro merci;
  • Registrazioni e Revisioni Piano.

Chiaro come tutto ciò sia simile a ciò che avviene durante una verifica BRC IFS tranne che le normative applicate non si riferiscono a quelle Eu ma a quelle US, ed è per questo che lo standard BRC ha formulato un modulo aggiuntivo BRC FSMA Ready per allineare le norme, visto che le linee del BRC 8 volgeranno all’ HARPC.

Vuoi approfondire le tematiche? Aprirti al mercato dell’ Export USA? Devi verificare lo stato del tuo adeguamento all’ HARPC? Devi Formare il PCQI? Contattaci!!!

Fonte: Sistemi & Consulenze

Condividi