Materiali a Contatto con alimenti MOCA Packaging

I Materiali a Contatto con Alimenti MOCA

In sede di analisi dei rischi e di definizione delle caratteristiche del prodotto finito deve essere tenuto conto del packaging. Più nello specifico si fa riferimento ai MOCA, ovvero ai materiali a contatto con alimenti. Possono avere un impatto positivo in termini di shelf life e negativo per via di possibili migrazioni di sostanze sull’alimento da confezionare. Il tutto viene definito nel rispetto delle normative sulla sicurezza alimentare.

Materiali a Contatto con alimenti MOCA Packaging

I  MOCA sono tutti quei materiali ed oggetti che sono destinati ad entrare a contatto con gli alimenti e con l’acqua. Possono essere utilizzati per il confezionamento. Sono MOCA anche materiali quali bicchieri, piatti, forchette, piani di lavoro e altri.

Tre sono le criticità che spesso vengono segnalate presso le aziende in sede di audit:

  • L’errato utilizzo di un certo packaging per un prodotto. Vanno, infatti, vanno definiti scientificamente i materiali a contatto con alimenti. Per determinati alimenti bisogna fare attenzione a non intercorrere in migrazioni chimiche sul prodotto;
  • L’assenza dei principi di tracciabilità così come definito dal Rec CE 178, che viene esteso anche ai MOCA;
  • Una non corretta protezione ed identificazione dei materiali a contatto.

Normativa per Materiali a Contatto con Alimenti

I riferimenti normativi per i materiali a contatto sono definiti dal Reg CE 1935. In esso viene stabilito che nella produzione dei MOCA devono essere seguite buone pratiche di fabbricazione. Inoltre, durante il loro utilizzo abituale o prevedibile, essi non devono in alcun modo trasferire agli alimenti componenti in grado di costituire un pericolo per la salute umana. Vengono inclusi anche componenti che potrebbero alterare la composizione dei prodotti alimentari in modo significativo e comportare la modifica delle caratteristiche organolettiche.

Le GMP Buone Pratiche di Produzione sono definite per le organizzazioni produttrici, trasformatrici e/o distributrici di MOCA dal Reg. CE 2023.

Con il Reg CE 450 sono stati introdotti i materiali attivi ed intelligenti destinati a venire a contatto con gli alimenti. La norma disciplina i requisiti per l’immissione sul mercato di tutti quei materiali che rilasciano componenti. Questi requisiti sono utili durante la conservazione dell’alimento e danno indicazioni sullo stato di conservazione dello stesso.

Ultimo e sempre in evoluzione dal 2011 è il Reg CE 10 che definisce i materiali plastici MOCA, con l’ultima revisione Reg CE 37 del gennaio 2019.

Come Gestire i Materiali MOCA

In primo luogo, l’azienda deve definire quale materiale MOCA sia più consono a seconda dell’alimento che deve esserci confezionato. A riprova di questo, devono esserci delle schede tecniche e dei test analitici di migrazione da parte del produttore in sede di qualifica dei fornitori. Questo non vale solo per i prodotti in termini di packaging. Si considerano anche i tubi su quali possa passare un determinato prodotto, contenitori, attrezzature o altro. L’azienda dovrebbe possibilmente affidarsi a un produttore che abbia certificato i propri metodi di produzione. Infatti, sia le norme sui sistemi di gestione alimentare sia gli standard privati, hanno degli schemi specifici per questi produttori.

Una volta definiti i materiali, l’azienda deve mettere in atto azioni per verificare il loro ricevimento, la loro protezione e lo stoccaggio per allontanarli da possibili fonti di contaminazione.

L’organizzazione deve gestire la tracciabilità considerando l’elemento con un comune ingrediente. Deve anche pianificare dei test di tracciabilità.

Contattaci! Siamo a tua disposizione se vuoi approfondire la tematica o se vuoi effettuare un’analisi dei materiali a contatto con gli alimenti MOCA. Scegli la nostra consulenza MOCA, ne varrà la pena!

Pubblicato da

Sistemie-Admin

Servizi di consulenza direzionale organizzativa, implementazione sistemi di gestione per certificazioni qualità, ambiente, sicurezza, alimentare, servizi di audit, consulenza formazione aziendale sicurezza sul lavoro, alimentare, ambiente, privacy.