fbpx
sponsor

Manuale della Qualità

Manuale della Qualità

Tempo di lettura: 3 minutes

Il Manuale della Qualità

manuale della qualità

Che cosa pensi del manuale della qualità? E’ necessario? Le ultime revisioni delle norme ISO sui sistemi di gestione lo inseriscono nelle informazioni documentate che un’organizzazione può decidere di avere o no. Questa decisione si basa sul fatto di come sia stato strutturato il sistema e la sua documentazione.

In quanto nelle verifiche ispettive, audit, veniva spesso evidenziata la ridondanza di informazioni  tra le varie informazioni documentare, procedure, moduli autoportanti, istruzioni operative ed appunto il manuale qualità.

Una inefficienza vera e propria dovuta dal fatto che il manuale della qualità era un documento di sistema per ‘l’ufficio direzionale’, e non in mano ai reparti operativi, quindi per lo più inutile e o di bellezza. Infatti un’organizzazione che strutturi bene le informazioni documentate a focus sui processi, può scegliere di eliminarlo e o di farlo diventare solamente una sorta di ‘riassunto’.

Manuale della qualità o grimorio della magia?

Quante volte siete entrati in un’azienda come valutatori e o consulenti e vi presentano un manuale della qualità di 1000 pagine. Manuale nascosto in qualche faldone, ed il titolare, e o responsabile della qualità ve lo presentano ed illustrano con fierezza.

Tocca pure dimostrarsi interessati, nel leggere documentazione ripetitiva e rimandante ad altri documenti che spesso non esistono, o coincidono, ma che puntano sul fatto che la persona che li legge si stanchi. All’italiana… più roba c’è, più bella figura facciamo!!

Un manuale della qualità di 1000 pagine dove si racconta tutto quello che l’organizzazione si impegna a fare, ma che le risorse dell’organizzazione ignorano anche la sua esistenza. Ed a che cosa serve? A NULLA! Spesso le organizzazioni esagerano e redigono un enorme ed ingestibile manuale della qualità, che sembra più essere un grimorio di magia di quelli che si vedono nei film.

Finalmente però, l’occasione della revisione delle norme, ultima la Iso 45001 ed Iso 22000, fornisce la possibilità, grazie anche ai fondamenti basati sul rischio ed alla struttura HLS di mettere mano a questa, molto spesso, inutile informazione documentata.

Che cosa dovrebbe contenere un Manuale della Qualità?

Partiamo dal fatto che se un’organizzazione avesse redatto delle procedure ad HOC, e che la semplicità del proprio contesto possa essere gestita anche con una tabella per la mappatura dei processi coerente, il manuale della qualità può essere inutile.

Vediamo che cosa dovrebbe contenere un manuale della qualità snello qualora decidessi di tenerlo nella tua azienda.

  1. Definizione del campo di applicazione del Sistema di Gestione per la Qualità e politica. Fondamentale per definire i limiti del sistema di gestione della qualità. Questa è la parte del manuale della qualità dove si definisce che cosa fa l’organizzazione e la sua politica;
  2. Definizione del contesto aziendale. La sezione dove viene completata la fotografia dell’organizzazione, definendone il contesto, le parti interessate interne ed esterne e le loro aspettative;
  3. La definizione delle informazioni documentate. Anche in questo caso troviamo spesso una marea di pagine senza comprendere nulla. Pare che ad un tratto nell’evoluzione umana ci sia un Big Bang ed appaia dal nulla un manuale della qualità. Qua è essenziale definire le fonti, chi redige ed approva, le modalità di identificazione, revisione, distruzione, distribuzione, archiviazione ed aggiornamento;
  4. Processi sempre processi. Per le organizzazioni, invece che perdere tempo su descrivere quanti ingegneri e biologi partecipino ai processi aziendali, identificare e descrivere chiaramente la mappatura dei processi. Gli input e gli output di ognuno. I principali, secondari ed a supporto e di conseguenza tutte risorse necessarie, umane, tecniche, ecc….
  5. Valutazione dei rischi e delle opportunità. Sulla base del contesto dell’organizzazione definito e dei processi aziendali, la valutazione di quelli che siano i rischi tecnico strategici per il raggiungimento degli obbiettivi. Qua, anche qui spesso si trova il vuoto, deve esserci coerenza tra contesto, valutazione dei rischi, obbiettivi, indicatori e riesame della direzione!!
  6. Descrizione dei processi. Una breve descrizione approfondendo il punto 4 e rimandando alle varie informazioni documentate.



Perché avere un manuale della qualità snello?

Avere un manuale della qualità snello che sia portante al sistema ma non ridondante sarà utile dal punto di vista organizzativo. Ma demanderà tutte le specifiche ad altre informazioni documentate che è giusto stiano là dove necessitano operativamente.

Per esempio. L’informazione documentata per la procedura della manutenzione a chi servirebbe? In ufficio nel faldone per gli amministrativi o nell’officina del manutentore? E così via per tutte le varie funzioni.

Avere un manuale della qualità snello è anche utile quando, l’invio dello stesso venga richiesto come documentazione a corredo di affidamenti e o altro. Non comprendiamo perché a volte venga richiesto. Ma inviando un documento snello ed organizzativo non si invieranno informazioni e procedure sui processi che sono il Kow How dell’organizzazione.

Hai bisogno di revisionare e o redigere il manuale della qualità per la tua organizzazione? Contattaci!!

sponsor

Hai Bisogno di Informazioni?

Prenota una Call con un Nostro Consulente

Richiedi una Quotazione. Scarica il Modulo Riempilo ed Inviacelo.

sponsor

Ultimi post

sponsor

Post correlati

Torna su