Le Nuove Dottrine IFS

Novità dottrine ifs

International Featured Standard, IFS, ha pubblicato nel mese di agosto 2020 gli aggiornamenti con le nuove dottrine IFS di tre dei suoi standard. Vediamo di che cosa si tratta:

IFS Broker Doctrine – È stato chiarito il punto relativo alla gestione del COID (numero di identificazione IFS) per società aventi diverse entità legali.

Inoltre, poiché lo standard IFS Broker versione 3 è obbligatorio dal 01 luglio 2020, fino al 30 giugno 2021 non verranno date non conformità maggiori sulle frodi alimentari. Tuttavia, qualora l’azienda venisse scoperta durante un audit a commettere frode alimentare, la non conformità maggiore potrà comunque essere data al requisito sull’autenticità del prodotto, ed  eventualmente l’auditor potrà dare un KO sulla Responsabilità della Direzione.

A causa delle restrizione dovute al Coronavirus, è ora possibile eseguire l’audit IFS Broker da remoto. Questo è un vantaggio per tutte quelle organizzazioni che hanno strutture decentralizzate e uffici in co-working, oppure per le realtà che non necessitano di audit faccia a faccia. In caso di audit da remoto sarà necessario introdurre il protocollo “IFS Broker Version 3 Audit Protocol for remote auditing”, il quale sarà disponibile nel corso di settembre 2020.

L’analisi dei pericoli e la valutazione dei rischi per i fornitori dovrà includere la valutazione della Difesa del Prodotto. In particolare, il fornitore deve essere certificato secondo lo Standard IFS o un altro standard riconosciuto GFSI, tranne quando il cliente accetta formalmente altre condizioni, dimostrabili con audit per esempio.

Per le aziende che spediscono i propri prodotti tramite corriere, è obbligatorio garantire che integrità e sicurezza dei prodotti siano sempre mantenute durante la spedizione. Bisogna quindi condurre una valutazione del rischio per analizzare lo scenario peggiore.

Deve essere implementata una procedura per la cultura della sicurezza, quindi è necessario che siano presenti alcuni elementi minimi riguardo al prodotto:

  • Comunicazione su politiche e responsabilità della sicurezza del prodotto;
  • Formazione;
  • Feedback dei dipendenti;
  • Valutazione della prestazione.

Infine, sono stati chiariti alcuni aspetti relativi ai requisiti per la qualifica degli auditor.

IFS Logistics Doctrine – In questo caso i chiarimenti riguardano la gestione del COID e il Mantenimento della qualifica di auditor non esclusivo.

La durata minima di un audit combinato IFS Logistics/IFS Broker deve essere di 1,25 giorni. Inoltre, a partire dal 1° gennaio 2021 gli auditor dovranno valutare l’inserimento della cultura della sicurezza del prodotto così come definiti dall’azienda. Anche qui è stato inserito il requisito per Aziende che lavorano con fornitori di servizi di consegna (corriere).

È ora obbligatorio sia indicare la data dell’ultimo audit non annunciato eseguito sia farne uno ogni tre anni. Infatti all’interno del certificato verrà inserita la data dell’ultimo audit non annunciato.

Nuova Dottrina IFS PAC Secure – Gli aggiornamenti e i chiarimenti di quest’ultima dottrina sono:

  • Scopo di audit e come scriverlo su certificati e report;
  • Gestione dei processi esternalizzati:
  • Esami GFSI online scritti;
  • Mantenimento della qualifica per gli auditor non esclusivi;
  • Informazioni aggiuntive nei requisiti di audit per allineare lo standard;
  • IFS PACSecure con gli altri standard IFS.

Tra le novità introdotte c’è l’utilizzo di un esperto tecnico all’interno del team di audit in mercati specifici emergenti, compresi i casi in cui l’ente di certificazione non abbia un auditor qualificato per lo scopo richiesto. Qui sono anche elencati le potenziali alternative e i criteri che un esperto tecnico deve soddisfare per poter essere tale.

Gli audit di seconda parte ora sono riconosciuti come bagaglio di esperienza di audit generale e/o per l’approvazione dello scopo prodotto richiesto dai requisiti di qualifica dell’auditor.

È necessario poi soddisfare il requisito della cultura della sicurezza alimentare e del prodotto compiendo un’analisi dei pericoli insieme alla valutazione dei rischi.

Infine, la Dottrina IFS PAC Secure puntualizza la questione degli audit senza preavviso. È obbligatoria l’opzione senza preavviso una volta ogni tre anni e bisogna indicare la data dell’ultimo audit effettuato di questo tipo.

Applicazioni delle nuove dottrine IFS

Le nuove dottrine IFS devono essere, come sempre, dove necessiti implementate nei requisiti richiesti dagli standard aziendali. In quanto saranno verificate durante gli audit di verifica da parte dell’organismo di certificazione e o nell’integrity program da parte di IFS stesso.

Oltre che le novità inerenti alle nuove dottrine IFS è finalmente stato rilasciata la nuova versione dello standard IFS Food 7. Contattaci per avere maggiori informazioni e o consulenza nell’implementazione dei nuovi requisiti.