Certificazioni Ittiche: che cosa sono?

Gli standard per le certificazioni ittiche sono applicabili a varie tipologie di organizzazioni che operano nel comparto ittico. 

Gli standard di certificazione più conosciuti sono la certificazione Friend of The Sea, la certificazione MSC, la certificazione Global Gap Aquaculture, il  sistema qualità nazionale per l’acquacoltura sostenibilee,e la certificazione ASC Aquaculture Stewardship Council.

Grazie a queste certificazione potrai dar valore alla tua organizzazione che opera nel contesto ittico.

I punti in comune di questi standard per le certificazioni ittiche sono che tutti e quattro si basano si schemi trasversali. 

Comprendendo nei loro requisiti aspetti di sicurezza alimentaresostenibilità ambientale, benessere animale, gestione e parità degli addetti. Tutti e quattro gli standard sono di natura privata e contemplano la catena di custodia.

Le differenze sta gli standard invece sono molteplici. In quanto per esempio la certificazione global gap acquacolture è l’unica riconosciuta da GFSI, alla parità quindi degli standard per la certificazione internazionale della sicurezza alimentare Brc, IfsSqf Fssc 22000.

Contatta un nostro tecnico Adesso

Certificazioni Ittiche: gli standard

Alti aspetti di differenza sostanziale sono che mentre la certificazione friend of the sea, ASC e la certificazione MSC sono dei veri e propri standard di requisiti, la certificazione global gap acquacolture applica anche i principi del miglioramento continuo PDCA, così come il sistema qualità nazionale per l’acquacoltura sostenibile.

Un’altra differenza è relativa ai capi di applicazione, in quanto la certificazione global gap acquacolture, e la certificazione ASC si applica a gli allevamenti ittici, comprese le avanotterie, la certificazione msc si applica alle realtà che si occupano del settore pesca e trasformazione, la certificazione friend of the sea a tutte le realtà della filiera ittica dell’allevamento e o della pesca,

Una organizzazione che scelga di adottare uno standard per il raggiungimento delle certificazioni ittiche potrà assicurare la sicurezza dei propri prodotti, intesa come sicurezza alimentare e sicurezza del prodotto.

L’evidenza della gestione per la sostenibilità ambientale e il benessere animale. Oltre che il rispetto dei principi contrattuali etici per i lavoratori. Un riconoscimento sul mercato che crea opportunità commerciali molto importanti.

Certificazioni ittiche la certificazione friend of the sea certificazione msc certificazione global gap aquacolture

Standard di Certificazione Ittica: perché ne hai bisogno?

Di seguito gli standard per la certificazione ittica per i quali possiamo fornirti la nostra consulenza. Per approfondire invece i requisiti del sistema qualità nazionale per l’acquacoltura sostenibile, puoi visitare questa pagina.

La norma per la certificazione Friend of The Sea è uno standard sviluppato, per la sostenibilità della filiera ittica, nato nel 2006 su iniziativa del direttore Europeo della Earth Island Institute.

Lo standard di certificazione Friend of The Sea rappresenta uno dei principali sistemi internazionali per la certificazione di prodotti ittici. È l’unico al mondo in grado di certificare i prodotti sia da pesca che da acquacoltura. Alla base della certificazione vi è la Politica Comune della Pesca dell’Unione Europea.

La certificazione Friend of The Sea si fonda sui seguenti principi: rispetto ambientale, conservazione e sfruttamento sostenibile delle risorse marine, metodi di pesca selettivi e risparmio energetico.

La certificazione si pone l’obiettivo di contribuire alla salute degli oceani attraverso la promozione di pratiche di pesca sostenibili. Verifica che le società aderenti al programma pratichino tecniche di pesca selettiva e riducano l’impatto del loro operato sull’ecosistema.

In questo modo è possibile garantire la presenza di prodotti sostenibili e rintracciabili ai consumatori finali. La certificazione Friend of The Sea comprende gli schemi:

  • FoS Wild (attività di pesca selvaggia);
  • FoS Aquaculture (allevamento);
  • FoS TR (tracciabilità dei prodotti ittici).

Un’organizzazione che abbia raggiunto la certificazione Friend of The Sea godrà anche della visibilità data dalla presenza della propria organizzazione sul sito dello standard.

I criteri dello standard di certificazione Friend Of The Sea

  • Protezione di stock sovra fruttati o inseriti nella Lista Rossa IUCN delle specie minacciate, in conformità alle linee guida della FAO, enti regionali per la pesca e autorità nazionali marine;
  • Nessun impatto su habitat critici (mangrovie, zone umide e altri);
  • Rispetto dei parametri ambientali delle acque reflue;
  • Riduzione delle catture accessorie e delle fughe;
  • Nessun utilizzo di agenti anti-vegetativi e ormoni della crescita;
  • Capacità di raccogliere tutte le informazioni inerenti la fase di pesca e/o di allevamento;
  • Sistema di tracciabilità strutturato per garantire il mantenimento della catena di custodia;
  • Metodi di pesca selettiva (max 8% di scarti);
  • Rispetto delle norme (TAC, no INN, nessun FOC, dimensioni delle maglie, dimensioni minime, MPA e altre);
  • Efficientismo energetico e della gestione dei rifiuti;
  • Responsabilità sociale.

Lo standard per la pesca sostenibileCertificazione MSC Marine Stewardship Council è il concepimento di un’organizzazione indipendente che opera a livello mondiale. È stata fondata nel 1997 da Unilever e dal WWF per contrastare la riduzione del patrimonio ittico e migliorare la gestione responsabile delle risorse ittiche.

La certificazione ha lo scopo di garantire la sostenibilità delle riserve mondiali di pesce e preservare l’intero ecosistema marino. In particolare, ha la mission della “tutela del patrimonio ittico mondiale e la promozione di scelte ambientali sostenibili”.

La certificazione MSC attesta le modalità sostenibili e l’efficienza del sistema di gestione sull’ecosistema marino in base alla zona di provenienza del prodotto.
Lo standard di certificazione MSC offre alle aziende del settore ittico uno strumento per confermare il loro di pratiche sostenibili.

Questa certificazione si basa su valutazioni di un ente terzo indipendente. La certificazione allo standard consente alle imprese ittiche di essere accreditate sul mercato. Le organizzazioni certificate riescono a garantire ai consumatori e ai retailer che i loro prodotti provengono da attività gestite con criteri di sostenibilità.

Campo di applicazione della Certificazione MSC

  • MSC Fishery – Applicabile alla pesca di organismi selvatici provenienti da acqua salata e dolce;
  • MSC Chain of Custody – Applicabile alla filiera dei prodotti originari di marinerie o impianti di allevamento sostenibile. Può essere applicata anche ai servizi collegati ad esse (CoC).

Lo standard di certificazione Global Gap Aquaculture è uno standard trasversale per le certificazioni in ambito ittico per allevamenti che ed a dispetto degli altri due ha ottenuto il riconoscimento GFSI. E’ uno schema più ampio dei due precedenti che unisce hai requisiti anche i principi di un sistema di gestione qualità.  I requisiti della certificazione Global Gap Aquaculture comprendono:

  • Conformità legale aziendale;
  • La sicurezza alimentare dei prodotti;
  • Il rispetto dei requisiti per la Salute e sicurezza sul lavoro dei lavoratori;
  • L’approccio al rischio e l’implementazione delle Social Practice;
  • La gestione del benessere animale;
  • La gestione dei requisiti ambientali;

Standard per la certificazione Global Gap Aquaculture: a chi si applica

  • Produttori di mangimi: le organizzazioni che si occupa della produzione dei mangimi per gli allevamenti;
  • Allevamenti: le organizzazioni che si occupano di allevale specie ittiche a terra e o in vasca in acqua:
  • Catena di custodia: lo standard che gestisce la catena di protezione lungo tutta la filiera.

Lo standard di certificazione ASC Aquaculture Stewardship Council è, come gli altri di proprietà di un’organizzazione internazionale, indipendente e senza scopro di lucro con la mission di promuovere l’acquacoltura responsabile.

Campo di applicazione della certificazione ASC

La certificazione ASC è composta attualmente di 11 standard che si riferiscono a 17 gruppi di specie ittiche:

  • Abaloni;
  • Bivalvi (vongole, cozze, ostriche, capesante);
  • Pesce piatto; trota d’acqua dolce;
  • Pangasio;
  • Salmone;
  • Branzino, orata, magro;
  • Seriola e cobia;
  • Gamberetti;
  • Tilapia;
  • Pesce di mare tropicale.
  • Assieme al consorzio MSC, alghe.

Promuovendo comportamenti sostenibili per l’ambiente e per le tematiche sociali. Garantendo l’adozione efficace della catena di custodia dello standard di certificazione ASC per la tracciabilità dei prodotti lungo tutta la filiera comprensiva della distribuzione.

I prodotti come avviene con gli altri standard, possono essere etichettati utilizzando il sistema messo a disposizione dello standard di certificazione. La certificazione Asc può essere rilasciata solamente dall’organismo accreditato allo scopo dopo l’effettuazione dell’audit di certificazione.

Il sistema nazionale per l’acquacoltura sostenibile, che abbiamo trattato in questo articolo, come gli standard descritti sopra, ha lo scopo di definire dei requisiti trasversali sia negli impianti a terra che a mare. I più significativi:

  • Istituzione di molti requisiti propri della norma di sistema per la tracciabilità di filiera;
  • Benessere animale;
  • Sostenibilità ed impronta ambientale;
  • Sostenibilità sociale ed economica;
  • Standardizzazione dei processi.

Requisti di Certificazione ittica: obiettivi e vantaggi

Gli obiettivi delle norme per la certificazione ittica sono quelli di fornire alimenti sicuri sui mercati internazionali che siano rispettosi anche della sostenibilità ambientale e sociale. 

I vantaggi della certificazione in ambito ittico sono molteplici ma possono essere riassunti come segue:

  • Rispondere alle richieste di un mercato globale che richiede prove di sostenibilità ambientale;
  • Produrre prodotti a marchio dentro una filiera chiusa da una catena di custodia;
  • Fornire valore ai propri prodotti con un marchio commercialmente molto
  • influente che comunichi l’impegno aziendale sulla lotta all’impoverimento delle specie ittiche;
  • Dare prove certificate da enti di terza parte sulla provenienza dei prodotti e la
  • loro protezione e custodia in tutta la filiera.
  • Dimostrare a tutti gli stakeholder il proprio impegno per la sicurezza alimentare e la sostenibilità ambientale e sociale;
  • Velocizzazione dei processi di fornitura delle grandi catene;
  • Avere delle norme internazionalmente riconosciute che hanno una facile integrazione con altre norme alimentari riconosciute GFSI nel contesto della trasformazione o logistica dei prodotti ittici. Un esempio sono la norma FSSC 22000 e gli standard BRC IFS.

Come ottenere la certificazione con i nostri servizi

Sistemi & Consulenze opera su tutto il territorio del bacino del Mediterraneo. Ed offre con i suoi tecnici servizi di consulenza per l’implementazione degli standard di certificazione ittica.

Gli standard dove possiamo assisterti nelle attività di implementazione ed audit sono:

  • Certificazione Friend of The Sea;
  • Certificazione MSC;
  • Certificazione ASC;
  • Certificazione Global Gap Aquaculture;
  • Certificazione Sistema qualità nazionale per l’acquacoltura sostenibile AS.

Possiamo anche assistere la tua organizzazione nell’implementazione integrata delle certificazioni assieme ad altre norme internazionali di certificazione. Contattandoci scoprirai il costo delle certificazioni ittiche, tempistiche e l’iter di raggiungimento.

Scroll to Top
DESIDERI MAGGIORI INFORMAZIONI?