Le Aree Esterne Aziendali

La Gestione delle Aree Esterne Aziendali

Un aspetto di cui tenere conto, quando si effettua una valutazione dei rischi per la Sicurezza ed Igiene degli alimenti prodotti in un’azienda, e sulla salute e sicurezza sul lavoro, è quello della gestione delle aree esterne aziendali, infatti lo stati di queste aree, piazzali, aree di carico, scarico, movimentazione e stoccaggio, e la mancanza di una gestione adeguata possono influire sulla contaminazione dei prodotti e sulla possibilità che si possano verificare infortuni da parte degli operatori. La gestione di questo Prerequisito strutturale deve essere effettuata sulla base dei processi che effettua l’azienda e può comprendere anche dei concetti inerenti alla food defense.

Quali sono le aree esterne di un’azienda?

Aree Esterne Aziendali

Le aree esterne di un azienda sono quelle al di fuori dell’area produttiva e dei magazzini, si intendono le strutture esterne delle stesse, le pavimentazioni esterne, i tombini, le fognature, i punti acqua e le grondaie, le aree adibite ad immagazzinaggio esterno, le aree di depurazione ed ecologiche, le recisioni ed i cancelli, i pali di utenze elettriche telefoniche od altro, gli stoccaggi mezzi ed i locali tecnici esterni. Una errata gestione delle aree esterne aziendali, dal punto di vista alimentare che deve essere valutato nel manuale di autocontrollo, può essere ricettacolo di sporco, di ristagni di acqua, ricovero di infestanti sia vegetali sia animali, per esempio una cattiva pavimentazione esterna può aprire crepe che possano diventare tane per roditori, o una non corretta manutenzione del verde attirare insetti ed altri infestanti, ristagni di acqua animare l’attività delle zanzare, una non adeguata gestione della zona ecologica richiamare animali randagi di ogni tipo, in questo caso si parla della gestione del Pest Profing.

Senza contare che per la gestione della food defense devono essere mantenuti in perfetta efficienza i sistemi di delimitazione aziendale, quali cancelli, chiusure, allarmi, telecamere.

Per gli aspetti della salute e sicurezza sul lavoro è bene tenere conto che un cattivo ordine può favorire la caduta di materiali sugli addetti, una scarsa manutenzione delle strutture di pavimentazione può essere motivo di cattiva gestione degli automezzi come i muletti, senza contare ai rischi derivanti dalle interferenze.

Queste sono alcune delle problematiche che possono presentarsi da una cattiva gestione delle aree esterne che può impattare sia direttamente che indirettamente sugli aspetti della sicurezza ed igiene alimentare per esempio attirando infestanti che possono avere facile ingresso all’azienda, non gestita correttamente, o contaminazioni che possono essere portate dagli addetti che frequentano le aree esterne.

La procedura per la gestione delle aree esterne aziendali

Un organizzazione deve effettuare un’efficace analisi dei rischi per la gestione delle aree esterne aziendale tenendo conto dei seguenti aspetti:

  • Mappatura delle strutture esterne da mantenere;
  • Definire la frequenza dei monitoraggi;
  • Definire le responsabilità dei monitoraggi e  la competenza degli operatori;
  • Definire i criteri minimi di accettabilità;
  • Definire azioni per il miglioramento;
  • Effettuazione di audit sull’aspetto.

Un’azienda che abbia implementato un sistema di gestione di gestione certificato avrà gli strumenti necessari per una corretta gestione delle aree esterne aziendali.

Contattaci!! Se vuoi approfondire le tematiche e o vuoi redigere una procedura per la gestione delle aree esterne aziendali.