La Sanificazione e Disinfezione Aziendale

Il Piano di Sanificazione e Disinfezione Aziendale

Di fondamentale importanza per gli aspetti della sicurezza ed Igiene alimentare approfondire ed avere un adeguato piano di sanificazione e disinfezione aziendale, questo bel applicato e monitorato può prevenire possibili contaminazioni del prodotto ed altre problematiche di natura igienico sanitaria.
Per piano di sanificazione si intende l’applicazione di procedure analizzate, progettate e validate per i due momenti riguardanti alla salinificazione e disinfezione che sono divisi in 4 fasi principali.

Sanificazione e Disinfezione Aziendale

  • IL CLASSICO PROCESSO DI SANIFICAZIONE E’ COSTITUITO DA 4 FASI:
  • LA PULIZIA O DETERSIONE (Prodotto detergente)
  • IL RISCIACQUO
  • LA DISINFEZIONE (Prodotto Disinfettante)
  • IL RISCIACQUO

La Pulizia o Detersione
Lo sporco si può suddividere in 2 grandi categorie:

  • di tipo organico, rappresentato da residui di carne, grassi pesce , residui amidacei, zuccheri, latte e da colonie di lieviti, batteri e muffe;
  • di tipo inorganico, rappresentato soprattutto da residui di calcare e dalla pietra di latte.

La scelta del detergente deve essere effettuata funzionalmente alla tipologia dello sporco che si incontra, le caratteristiche di un buon detergente, che puà avere natura alcalina, neutra, acida devono essere:

  • Avere un grande effetto detergente;
  • Avere un elevato potere bagnante, penetrante ed inbibente;
  • Avere potere emulsionante e disperdente;
  • Avere capacità di operare con acque di diversa durezza;
  • Avere facilità di risciacquo

La Disinfezione
Disinfettare significa, ridurre la quantità di microrganismi presenti eliminando completamente i germi patogeni.
I fattori che possono influenzare il risultato finale dell’operazione sono:

  • efficacia dell’azione di detersione;
  • completezza dell’azione di risciacquo;
  • tipo di disinfettante;
  • la concentrazione del disinfettante;
  • il tempo di contatto.

I prodotti che vengono utilizzati per la disinfezione sono molteplici, con caratteristiche ed efficacia diverse.
Un buon disinfettante dovrebbe:

  • distruggere i microrganismi patogeni;
  • non macchiare le superfici trattate;
  • avere uno spettro d’azione il più ampio possibile
  • non essere corrosivo verso i materiali a contatto;
  • agire anche in presenza di acque dure
  • essere attivato a basse temperature.

Il Risciacquo

Un accurato risciacquo dopo la fase di detersione consente di:

  • eliminare eventuali residui di sporco;
  • eliminare residui di detergente;
  • preparare al meglio la superfici per la fase di disinfezione;
  • UN altrettanto attento risciacquo finale (dopo la fase di disinfezione) , consente l’eliminazione di eventuali residui di soluzione disinfettante evitando la possibilità di contatto diretto fra prodotto chimico ed alimentare.

Ma cosa deve contenere un efficace programma di sanificazione e disinfezione aziendale?
Prendendo come riferimento gli standard internazionali Brc ed Ifs diamo una liea guida su cosa dovrebbe esserci in un efficace piano di pulizia e disinfezione:

  • Un chiaro piano di responsabilità per questa procedura, responsabile ed addetti al processo;
  • Un’analisi approfondita sui possibili rischi che devono essere prevenuti, monitorati, abbattuti, con questo processo, ovvero che cosa andiamo a pulire dove , quando e cosa una cattiva sanificazione e disinfezione possa provocare;
  • Una descrizione delle procedure e tipologie di sanificazione e disinfezione che andremmo ad utilizzare e le probabili criticità delle stesse;
  • Un’analisi ed una descrizione sui materiali che utilizzeremo di conseguenza in rapporto anche ai materiali che andremmo a pulire;
  • Una pianificazione sulle modifiche sui possibili cambi prodotto, concentrazioni, tempo di posa, temperatura che utilizzeremo;
  • Le schede tecniche e le schede di sicurezza dei prodotti utilizzati e delle eventuali attrezzature, in questo caso anche eventuale piano di manutenzione e o taratura delle stesse;
  • L’evidenza di una formazione continua degli operatori su questi processi;
  • Analisi analitiche per la validazione del processo, tamponi di superficie, analisi acqua di risciacquo, per l’igiene del processo.
  • Un analisi sulle NC Riscontrate e le AC da applicare ed eventuali revisioni del piano;
  • Schede di Check per effettuazione della procedura;

Questa è una piccola linea guida per il riferimento di cosa dovrebbe contenere un efficace piano di sanificazione e disinfezione aziendale.
Sei interessato ad approfondire l’argomento o ad effettuare un audit sul tuo processo di sanificazione e disinfezione aziendale? Contattaci!!!

Condividi