Sanificazione CIP

La Sanificazione CIP

I Sistemi di Sanificazione CIP

Uno dei prerequisiti fondamentali è la sanificazione ed il mantenimento di attrezzature ed ambienti in buono stato di igiene per far si che ci possano essere contaminazioni dei prodotti, oltre i sistemi di sanificazione “standard” talune industrie alimentari utilizzano efficienti sistemi di sanificazione CIP, che se da un lato migliorano le operazioni di talune sanificazioni possono essere se mal gestiti molto pericolosi.

I sistemi di sanificazione CIP

Il sistema si sanificazione CIP è un sistema di pulizia automatico, incorporato nell’attrezzatura da sanificare, comprensivo di acqua e o soluzione di risciacquo e detergente, questo metodo consente di pulire le superfici interne di sistemi a tenuta senza la necessità di smontare l’impianto, in maniera automatica, definendone i tempi e le temperature di servizio come un normale processo di sanificazione.
Oltre il sistema di sanificazione CIP esiste anche il SIP – Sterilization-In-Place, il processo SIP è un procedimento di pulizia superiore al CIP che prevede un ulteriore processo di sterilizzazione. La sterilizzazione dei processi igienico-sanitari critici si effettua alla fine del processo CIP. Ciò consente di eliminare i microorganismi ancora attivi nel sistema con acqua calda o con vapore saturo ad alte temperature.

Ma quali sono le criticità che possono derivare dall’utilizzo di sistemai di sanificazione CIP?

Come tutte le attrezzature utilizzate per la sanificazione se non gestite possono non solo risultare inefficaci per lo scopo ma apportare anche criticità molto pericolose che possono riassumersi:

  • Utilizzo di sistema di approvvigionamento di sanificante non corretto, con o inefficacia nel processo di sanificazione oppure utilizzo dello stesso in dismisura con sprechi del prodotto;
  • Utilizzo errato dei sanificanti e possibile pericolosità, rischio chimico, per fasi di risciacquo non corrette sulla base del prodotto utilizzato;
  • Mancata formazione delle procedure di utilizzo dell’attrezzatura da parte delle risorse nominate come responsabili;
  • Inefficienza dell’attrezzatura per mancata corretta manutenzione e o sanificazione ordinaria;

I passi da seguire per una corretta gestione dei sistemi di sanificazione CIP
I passi corretti da seguire per non intercorrere in criticità nell’utilizzo di queste attrezzature si possono riassumere in:Sanificazione CIP

  • Installazione effettuata da parte di azienda qualificata che rilasci verbale di installazione e che, assieme al Team interno della sicurezza alimentare, programmi l’attrezzatura, prodotto, tempi, temperatura, sulla base della sanificazione da effettuare, definendone anche i prodotti da utilizzare e le modalità per la sanificazione, ispezione e manutenzione.
  • Una corretta informazione e formazione delle risorse sull’utilizzo dell’attrezzatura contemplando lo stoccaggio e la miscelazione dei prodotti sanificanti, le procedure di monitoraggio e di emergenza.
  • Definire, come sopra, Il programma di manutenzione, sulla base dei manuali d’uso del produttore, redigere chiare istruzioni operative, come consigliato dagli standard internazionali per la sicurezza alimentare BRC IFS, GFSI, comprensive anche di immagini, sulle modalità di smontaggio, monitoraggio, montaggio dell’attrezzatura, definendo anche i materiali approvati utilizzati e i limiti di accettabilità per la ripresa dell’operatività del sistema di sanificazione.
  • Definire un programma di tarature degli strumenti a supporto dell’attrezzatura, PH, Temperatura, tempo.
  • Definire i monitoraggi da effettuare per verificare l’efficacia del sistema.
  • La Validazione del processo di sanificazione con l’attrezzatura tramite studio scientifico ed analisi di laboratorio.
  • Definire possibili NC ed azioni da intraprendere comprensive delle responsabilità.

Siete interessate a definire o verificare il vostro sistema di sanificazione CIP? Contatteci!!

Condividi