Ispezione Organi Ufficiali ASL ATS NAS

Ispezione degli organi Ufficiali ASL e NAS

Ispezione Organi Ufficiali ASL ATS NAS

Ogni azienda che opera nel settore alimentare, e non solo, è soggetta ad ispezione degli organi ufficiali,  ASL, ATS, unità sanitaria locale, e dei NAS, nucleo anti sofisticazioni del corpo dei Carabinieri, per la verifica della gestione della sicurezza alimentare sugli alimenti prodotti, stoccati, commercializzati a seconda del proprio contesto aziendale.

Ogni OSA ha il dovere di mettere a disposizione le risorse per essere in grado non solo di gestire e monitorare la propria attività ma rendere l’ispezione di ASL e NAS snella ed efficace.

Ci sono diverse tipologie di ispezione programmate, in ambito di monitoraggio delle attività del territorio, sia in ambito Reg 852, che in ambito Reg 853 Bollo CE, sia non programmate, a seguito di precedenti non conformità riscontrate, segnalazioni, e o definite come monitoraggi in determinati periodi, per incidenza di taluni rischi, da parte di ASL e NAS. I controlli degli organi ufficiali vengono regolamentai dal Reg CE 625/17 che abroga il Reg CE 882/04.

Cosa viene richiesto durante un’ispezione della ASL e NAS?

Ogni ispettore dell’organo ufficiale addetto all’ispezione che sia della ASL o ATS di competenza o dei NAS, ha chiaramente le sue tecniche proprie di audit, accompagnato dalle checklist ufficiali, verificherà in linea generale i seguenti aspetti suddivisi in due aree distinte:

Documentale: Questa parte dell’ispezione comprende quattro parti:

  • La verifica della documentazione autorizzativa, scia, bollo CE, planimetrie, autorizzazioni agli scarichi, emissioni in atmosfera, rifiuti.
  • La verifica della documentazione per la sicurezza alimentare, responsabilità, descrizione strutture, materie prime, prodotti finiti, destinazione uso, la gestione dei PRP (fornitori, formazione, manutenzione, sanificazione, pest control, potabilità acqua, rifiuti), l’identificazione dei pericoli, l’analisi dei rischi e le azioni per la mitigazione, la rintracciabilità, piano di analisi ove richiesto, la gestione e revisione documentale.

Su Campo: Questa parte è atta alla verifica della coerenza reale su campo della documentazione visionata prima, verifica dello stato igienico, e  del rispetto delle procedure.

Tracciabilità: Possono essere effettuate delle prove di tracciabilità dei prodotti.

Analitiche: Gli organi ufficiali possono effettuare dei campionamenti sul prodotto finito, materie prime, igiene del processo ed acqua utilizzata, in questo caso verranno segregati dei campioni degli stessi lotti per poter effettuare se necessario delle contro analisi.

Le risultanti di queste verifiche possono portare a delle sanzioni in caso di deviazioni gravi, dai requisiti richiesti, oppure delle prescrizioni definendo i tempi nei quali l’azienda debba intervenire e dare evidenze di tali risoluzioni, ovviamente è, in casi gravi ove è a rischio la sicurezza degli alimenti prodotti, la chiusura dell’attività.

Come viene richiesto dalle norme per le certificazioni alimentari è buona norma che vi sia una procedura per la gestione della documentazione e che il personale sia addestrato all’effettuazione delle ispezioni con gli organi ufficiali.

Contattaci!! Se sei interessato alle tematiche e o vuoi essere preparato alla gestione di un’ispezione ASL, ATS o NAS.

Pubblicato da

Sistemie-Admin

Servizi di consulenza direzionale organizzativa, implementazione sistemi di gestione per certificazioni qualità, ambiente, sicurezza, alimentare, servizi di audit, consulenza formazione aziendale sicurezza sul lavoro, alimentare, ambiente, privacy.