Consulenza Iso 26000

Social Responsibility Standard ISO 26000 cos’è?

La norma ISO 26000 fornisce le indicazioni basilari sui principi di responsabilità sociale. Un valido strumento per la costruzione di un sistema aziendale volto alla gestione ed al miglioramento per un comportamento etico delle organizzazioni nei confronti delle parti interessate.

ISO-26000-Linee-guida-Responsabilità-Sociale-delle-Imprese

L’adozione del Social Responsibility Standard, contribuirà ad adottare una strategia che si basa sullo sviluppo sostenibile.

Aiutando ad implementare comportamenti coerenti, tenendo conto delle esigenze ed aspettative degli stakeholder, e dei requisiti obbligatori applicabili, comprensivi anche quelli sulla salute e sicurezza sul lavoro.

Le strategie aziendali odierne, si basano sull’analisi delle richieste dei mercati globali, che volgono non solo a richiedere alle organizzazioni il rispetto dei requisiti applicabili, ma a contribuire attivamente allo sviluppo sostenibile.

L’applicazione di questi principi edenziano il comportamento responsabile etico e sostenibile di un’organizzazione. Che non si limita solamente al raggiungimento dei propri obiettivi finanziari ed al rispetto dei requisiti obbligatori.

Vuoi ottenere una certificazione per la sostenibilità? Prenota una call gratuita con un nostro consulente.

Linee guida Iso 26000: perché sono importanti?

Le linee guida Iso 26000 sono lo standard internazionalmente riconosciuto, pubblicato nel 2010 redatto, a seguito di tavoli tecnici al quale hanno partecipato i principali attori in tema di responsabilità sociale.

Per fornire alle imprese, principi, concetti, pratiche, per la progettazione e l’applicazione di un sistema per la responsabilità sociale ed etica d’impresa.

Questo sistema non è certificabile da un organismo di certificazione come lo è invece lo standard per la responsabilità sociale d’impresa SA 8000, che spesso ritroviamo integrato con le norme per la qualità, ambiente e sicurezza.

Per le organizzazioni è importante seguire queste linee guida. In primis per la creazione di un ambiente di lavoro ‘sano’, che aumenterà sicuramente la produttività. In secondo luogo perché è un passo fondamentale per implementare lo standard certificabile, ed i suoi requisiti vengono richiesti durante gli audit di seconda parte effettuati dalle grandi filiere.

ISO 26000: Requisiti Social Responsibility Standard

I requisiti dettati delle linee guida Iso 26000 comprendono, la struttura, il contesto e management dell’organizzazione, i diritti umani, le condizioni di lavoro a tutti i livelli, l’ambiente aziendale, la gestione aziendale, lo sviluppo sostenibile coerente attento ai consumatori ed alla comunità.

L’approccio attivo richiesto dalla sua applicazione evidenzierà l’impegno nei confronti di tutti gli stakeholder. Nel rispetto dei temi in cui l’organizzazione voglia cogliere questa opportunità di miglioramento. La struttura della norma sulle linee guida per la responsabilità sociale delle imprese è suddivisa in due parti:

  1. Documentale – guida per la costruzione di un sistema per la responsabilità sociale d’impresa, termini e definizioni, principi per lo sviluppo sostenibile ed etico;
  2. Operativa – i requisiti per strutturare procedure, struttura organizzativa per il sistema per la responsabilità sociale d’impresa.

La struttura del Social Responsibility Standard è la seguente:

  1. Scopo;
  2. Termini e definizioni;
  3. Comprendere la responsabilità sociale;
    1. La responsabilità sociale delle organizzazioni: il contesto storico;
    2. Tendenze recenti in materia;
    3. Caratteristiche della social responsibility;
    4. I governi e la responsabilità sociale;
  4. Principi di responsabilità sociale;
    1. Informazioni generali;
    2. Responsabilità;
    3. Trasparenza;
    4. Comportamento etico;
    5. Rispetto degli interessi degli stakeholder;
    6. Rispetto dello Stato di diritto;
    7. Rispetto delle norme internazionali di comportamento;
    8. Rispetto dei diritti umani;
  5. Riconoscere la responsabilità sociale e coinvolgere gli stakeholder;
    1. Informazioni generali;
    2. Riconoscere la social responsibility;
    3. Identificazione e coinvolgimento degli stakeholder;
  6. Orientamenti sui temi centrali della social responsibility;
    1. Informazioni generali;
    2. Governo dell’organizzazione;
    3. Diritti umani;
    4. Pratiche di lavoro;
    5. L’ambiente;
    6. Pratiche operative corrette;
    7. Problemi con i consumatori;
    8. Coinvolgimento e sviluppo della comunità;
  7. Linee guida per l’integrazione della responsabilità sociale in un’organizzazione;
    1. Informazioni generali;
    2. Il rapporto tra le caratteristiche di un’organizzazione e la responsabilità sociale;
    3. Comprendere la responsabilità sociale di un’organizzazione;
    4. Pratiche per l’integrazione in un’organizzazione;
    5. Comunicazione;
    6. Accrescere la credibilità in materia di responsabilità;
    7. Rivedere e migliorare le azioni e le pratiche di un’organizzazione relative al social responsibility;
    8. Iniziative volontarie per la responsabilità sociale;
  8. Allegato A Esempi di iniziative e strumenti di volontariato per la responsabilità sociale;
  9. Allegato B Termini abbreviati.

Molti di questi requisiti possiamo ritrovarli, oltre che nello standard SA 8000, anche negli standard di certificazione trasversale, come per esempio Global Gap, e GMP+ nel settore primario, FSC nella filiera forestale, e negli standard per la certificazione ittica FOS, MSC, ASC ed GAP Aquacolture.

Ottieni la certificazione. Prenota una call gratuita per una consulenza ISO 26000.

Iso 26001: perché devi attuare i 7 principi?

Le linee guida Iso 26000 identificano sette principi fondamentali che devono essere analizzati ed assolti dalle organizzazioni socialmente responsabili:

  1. Principio di responsabilità o accountability – La capacità di un’organizzazione di analizzare ed identificare possibili situazioni arrecanti danni alle parti interessate, di mettere in atto azioni di mitigazione e di assumersi le proprie responsabilità sull’eventuale accadimenti provende il ripetersi di tali fatti;
  2. Principio di trasparenza aziendale – Saper comunicare in modo diretto e chiaro a tutte le parti interessate, il proprio impegno, politiche, rischi ed azioni intraprese per il loro abbattimento sulla responsabilità sociale delle imprese;
  3. Implementazione codice etico comportamentale – L’adozione a tutti i livelli dell’organizzazione, comprensiva eventualmente anche di tutta la filiera di approvvigionamento, di un codice etico aziendale sulla base dell’analisi effettuata nel principio 1;
  4. Attenzione alle aspettative delle parti interessate –  La redazione ed il monitoraggio degli interessi e delle aspettative di tutte le parti interessate. Partendo da una mappatura descrittiva della tipologia di stakeholder, fino alla redazione di report di sostenibilità specifici.
  5. Principio di legalità – Il rispetto dei principi della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea, e di tutte le norme e regolamenti obbligatori applicabili.
  6. Rispetto norme comportamentali sulla legalità –  Correlato al principio della legalità, l’applicazione della norma iso 26000 per la responsabilità sociale d’impresa, richiede anche all’organizzazione il rispetto delle norme comportamentali etiche internazionali, escludendo anche che vengano effettuati azioni di illegalità da parte di aziende terze collegate all’organizzazione.
  7. Rispetto dei diritti umani – Il rispetto dei principi della Carta Internazionale de Diritti dell’Uomo.

Sempre più organizzazioni stanno adottando i principi della responsabilità sociale, seguendo le linee guida della ISO 26000, in quanto uno sviluppo sostenibile d’impresa genera un ambiente esterno ed esterno favorevole alla crescita aziendale attento a tutto ciò che lo circonda.

La norma ISO 26000 pdf è staricabile nel sito della UNI a questo indirizzo.

Torna su