Alimenti di origine animale consulenza bollo ce

Ottenimento del Bollo CE

Le aziende che producono, manipolano, offrono servizi quali stoccaggio e trasporto, e commercializzano alimenti di origine animale devono, secondo il Reg CE 853/04 ottenere il riconoscimento del Bollo CE, l’autorizzazione sanitaria necessaria alla libera circolazione di tali alimenti fra i paesi comunitari. Alimenti di origine animale bollo ce

Il Bollo CE può essere richiesto per le seguenti motivazioni:

  • Richiesta di primo riconoscimento quando si deve ottenere l’autorizzazione di un nuovo stabilimento;
  • Richiesta di modifica autorizzativa in caso di modifiche delle fasi dei processi produttivi dello stabilimento già autorizzato;
  • Richiesta di modifica autorizzativa in caso di modifiche strutturali ed impiantistiche dello stabilimento già autorizzato;
  • Richiesta di modifica autorizzativa per cambi ri ragione sociale;
  • Richiesta di sospensione e o modifica del Bollo CE, in caso di sospensioni momentanee e o chiusura dell’attività.

Il legislatore ha ritenuto opportuno con il riconoscimento del bollo Ce richiedere dei requisiti più approfonditi rispetto al Reg Ce 852 in quanto le materie prime ed i prodotti di origine animale presentano rischi per i quali necessitano, soprattutto dei prerequisiti ed dei controlli analitici, più efficienti per assicurare la sicurezza alimentare dei prodotti.

Il rilascio del bollo Ce

Benché ogni regione abbia una propria procedura per il rilascio del Bollo Ce le linee generali che deve seguire l’OSA per ottenere il riconoscimento sono:

  • Richiesta di parere preliminare per il rilascio dell’autorizzazione;
  • Presentazione della domanda, cartacea o digitale, ai dipartimenti veterinari di riferimento, che possono differenziarsi per uffici di igiene degli alimenti di origine animale che si occupa dei prodotti caseari, allevamenti, salumifici, ecc;
  • Presentazione della planimetria dell’impianto con identificazione dei locali, dei flussi del personale, delle materie prime, prodotti finiti, materiale packaging, rifiuti, punti aria, acqua e scarichi;
  • Presentazione di una relazione tecnica ove si descriva lo stabilimento, i processi lavorativi effettuati, lo smaltimento dei rifiuti, e la gestione delle acque reflue e emissioni in atmosfera;
  • Presentazione del  verbale di sopralluogo, preliminare, del Servizio Veterinario competente;
  • Pagamento dei bolli e del servizio veterinario.

Alla ricezione di tutta la documentazione, comprensiva del sopralluogo preliminare verrà rilasciato un riconoscimento ‘provvisorio’ per dare modo all’azienda di operare, il rilascio del Bollo CE avverrà al superamento positivo di un secondo sopralluogo da parte del servizio veterinario di competenza.

Per le altri opzioni, modifica, sospensione o revoca dell’autorizzazione dovrà essere seguita la medesima procedura in questo caso in accordo con il veterinario ufficiale.

Esclusioni della richiesta autorizzativa

Ci sono delle categorie di aziende che non necessitano della richiesta del Bollo Ce e sono le seguenti:

  • Operatori che effettuano commercio al dettaglio di alimenti di origine animale, macellerie, pescherie, ristoranti, da un’azienda commerciale al dettaglio ad un altra realtà medesima a livello locale della provincia ove è sito lo stabilimento e quelle limitrofe a condizione che questa attività non sia primaria, Reg CE 853 art 1;
  • Operatori che producono gelati tranne quelli che utilizzano latte crudo;
  • Operatori che producono miele;
  • Operatori che forniscono direttamente piccole quantità di pollame e lagomorfi macellati direttamente dal produttore forniti direttamente al consumatore finale, od a laboratori commerciali annessi tali carni come carni fresche, Reg CE 853 art 1;
  • Operatori cacciatori che forniscono piccole quantità di selvaggina direttamente al consumatore finale o ai laboratori commerciali a livello locale che riforniscono il consumatore finale, Reg CE 853 art 1;
  • Operatori aziende agrituristiche con laboratori che trasformano le loro produzioni, carni, latte, per la vendita diretta al consumatore.

Una volta ricevuto il riconoscimento l’OSA dovrà occuparsi di effettuare la valutazione dei rischi, Haccp e o Harpc, e formare il personale operante nell’attività, nel caso in cui lo stabilimento che abbia ottenuto il riconoscimento del Bollo Ce operi nei mercati Usa dovrà seguire un iter specifico per questo mercato. L’identificativo grafico un “ovale” che verrà consegnato, dovrà rispettare i canoni comunicati sul marchio, misura, proporzioni, colori, lettere, ed essere riportato nella documentazione aziendale, di trasporto e fatturazione, assieme, per queste ultime dell’inserimento dei lotti trattati.

Uno stabilimento che avrà ottenuto il riconoscimento per gli alimenti di origine animale sarà affiancato dal servizio veterinario con la nomina di un veterinario ufficiale che si recherà nella struttura con una cadenza all’incirca trimestrale.

Contattaci!! Se sei interessato all’argomento e o se dei preparare la richiesta per il riconoscimento del Bollo CE per le produzioni di origine animale.

Pubblicato da

Sistemie-Admin

Servizi di consulenza direzionale organizzativa, implementazione sistemi di gestione per certificazioni qualità, ambiente, sicurezza, alimentare, servizi di audit, consulenza formazione aziendale sicurezza sul lavoro, alimentare, ambiente, privacy.