Igiene

L’igiene prima di tutto!

Assicurare un buono stato di igiene sia relativo ai locali, attrezzature e macchinari, sia relativo al personale impiegato nelle produzione è un prerequisito per la sicurezza ed igiene alimentare richiesto dalle normative obbligatorie vigenti Reg Ce 852 – Reg CE 853 – FSPMA, sia dalle norme volontarie Iso/fssc 22000 che dagli standard internazionali BRC IFS che trattano l’argomento con specifici ed approfonditi punti.

Spesso e volentieri le organizzazioni seppur ben soffermandosi sugli aspetti strutturali, dei macchinari e delle attrezzature, trattandoli con specifiche procedure, non danno la giusta attenzione ai pericoli relativi agli operatori, ovvero quelli di una scarsa igiene o di comportamenti igienici scorretti che possano minare la sicurezza alimentare per la prevenzione di contaminazioni e o prolificazione dannose agli alimenti.

Igiene

Il primo passo, dopo ovviamente l’avvenuta ‘Analisi dei Rischi’, è quello relativo ed importantissimo della formazione delle risorse con la definizione delle responsabilità, dei comportamenti da tenere e dall’abbigliamento specifico da dover utilizzare, divieti di fumo e di consumare cibi fuori dagli spazi consentiti.

Le procedure fondamentali relative alla prevenzione come minimo dovrebbero comprendere:

  • Il mantenimento di un alto stato stato igienico del personale relativamente ai capelli, barba, unghie, abbigliamento divieto di utilizzo di creme e profumi, divieto di fumo;
  • Procedure specifiche di lavaggio mani;
  • Procedure specifiche per l’individuazione e la vestizione e svestizione del personale a seconda delle aree di rischio;
  • Procedure specifiche al lavaggio degli indumenti;
  • L’approvazione dei materiali e le attrezzature utilizzate per le pulizie;
  • La verifica dello stato igienico tramite audit e prove analitiche;
  • Lo stato della salute del personale, tramite controlli preoperativi nei casi di malattia, o procedure di emergenze in caso di infortunio o incidente aziendale.

Non può non essere preso in considerazione il personale esterno visitatori, manutentori esterni, organi ufficiali , auditor,…, in quanto sono ingressi che possono contaminare un ambiente ‘protetto’, quindi è opportuno creare delle specifiche procedure per comunicare e prevenire comportamenti potenzialmente pericolosi con:

  • L’invio di informative sulle disposizioni igieniche aziendali;
  • La firma dopo presa visione delle regole di ingresso aziendale, di un registro visitatori;
  • L’identificazione tramite badge dei visitatori sempre seguiti dal personale interno;
  • Il rispetto di tutte le normative igienico sanitarie aziendali.

Vuoi approfondire queste tematiche o vuoi effettuare una valutazione di questo rischio? Contattaci!!

Fonte: Sistemi & Consulenze

Condividi