La formazione sulla salute e sicurezza sul lavoro

formazione sulla salute e sicurezza sul lavoro per la prevenzione degli infortuni

La formazione sulla salute e sicurezza sul lavoro è un obbligo del datore di lavoro. Se si può discutere sul come fare una efficace prevenzione degli infortuni e malattie professionali sul luogo di lavoro, non si può fare lo stesso sul perché farla.

È un dovere morale per un proprietario di un’attività preservare la sicurezza, la salute e la vita dei suoi dipendenti. Inoltre, a livello legislativo esistono delle norme, come il D.Lgs 81/2008, che dichiarano obbligatorio per il datore di lavoro formare, informare ed addestrare i propri lavoratori al fine di garantirne la salute e la sicurezza.

I lavoratori invece hanno il diritto di essere informati sui possibili rischi che corrono nello svolgere le attività lavorative, di essere formati su come utilizzare nel modo corretto le attrezzature e di essere a conoscenza delle procedure necessarie per intervenire prontamente durante le emergenze senza causare ulteriori danni a sé e agli altri. Perciò diventa un dovere della forza lavoro partecipare ai corsi dedicati alla sicurezza sul lavoro organizzati dal proprio datore. E rispettarne i principi ed obblighi.

In sostanza, bisogna accompagnare con la formazione sulla salute e sicurezza sul lavoro la forza lavoro a:

  • Conoscere tutte le nozioni e procedure essenziali che permettono di ridurre i rischi al grado di accettabilità ed allo stesso tempo di tutelare la sicurezza personale mentre si lavora;
  • Saper riconoscere, ridimensionare e controllare i rischi presenti in azienda;
  • Utilizzare in modo pratico e corretto le strumentazioni ed attrezzature che servono per le fasi di lavoro o per gli interventi necessari durante le situazioni di rischio;

I vantaggi della formazione sulla salute e sicurezza sul lavoro

Fin da subito la formazione sulla salute e sicurezza sul lavoro viene identificata dalla legge, testo unico, come il primo elemento fondamentale per raggiungere una completa prevenzione degli infortuni e malattie professionali. Non bastano precauzioni fisiche e materiali (come potrebbe essere un’imbracatura o un casco) se chi lavora non è consapevole dei rischi che corre, ti come utilizzare taluni DPI, soprattutto perché gli/le potrebbe capitare di commettere qualche errore mentre svolge le sue mansioni… errare è umano.

I benefici di formare i lavoratori sul tema della salute e sicurezza sul lavoro sono numerosi:

  1. Si riducono le probabilità di infortuni e malattie professionali rendendo il lavoro dei dipendenti più efficiente, veloce e produttivo;
  2. L’azienda non dovrà affrontare eventuali assenze, sostituzioni del personale, danni economici, sanzioni penali e fermi impianto;
  3. Ogni singolo lavoratore diventa più partecipe e allo stesso responsabile del corretto funzionamento delle procedure aziendali;
  4. Si va a creare una cultura d’impresa nuova, inclusiva, più propositiva e aperta al dialogo. Ogni membro dell’attività diventa importante per il monitoraggio della sicurezza personale e dei colleghi;
  5. Aumenta la comunicazione all’interno dell’attività, favorendo interventi più efficaci di risoluzione dei problemi interni;
  6. Il livello delle prestazioni aziendali rimane alto e, anzi, tende a migliorare. Aggiornare i propri dipendenti con corsi periodici li stimola a voler accrescere sempre di più le loro competenze professionali e a dare il meglio di sè al lavoro.

A questo punto si può dire chiaramente che la formazione non è mai una spesa, ma un investimento.

Ogni azienda ha il dovere e il diritto di impegnarsi sul fronte della formazione, uno strumento di crescita spesso sottovalutato e visto come fastidioso. Perché questa funzioni, bisogna prima compiere una attenta analisi dei rischi e soltanto dopo si può organizzare il programma formativo più adatto alle esigenze della propria forza lavoro.

Un piccolo sunto sulla formazione per la salute e sicurezza sul lavoro

Il datore di lavoro nell’ampito obbligatorio sarà tenuto alla formazione in ambito salute e sicurezza sul lavoro, vediamo un generico sunto:

  • Informazione ai lavoratori secondo quando riportato dall Art 36;
  • Formazione ai lavoratori secondo rischio aziendale, basso, medio alto, così come definito dall’art 37;
  • Formazione ai lavoratori sull’uso delle attrezzature, ovviamente presenti, muletti, movimentazione terra, grù, così come previsto dall’arti 73;
  • La formazione della squadra di emergenza per il primo soccorso e per la prevenzione incendi, anche qui a seconda del rischio;
  • L’assistenza all’elezione del rappresentante per i lavoratori per la sicurezza e formarlo;
  • La formazione delle figure di responsabilità, qualora necessiti come il preposto, il dirigente per la sicurezza ecc;

Questo è un piccolo riassunto delle figure che devono obbligatoriamente essere formate in un’organizzazione. Ma a seconda del contesto aziendale ce ne possono essere molte di più. Quindi occorre disporre di una efficace procedura per la formazione aziendale capace di evidenziare tutti i fabbisogni formativi e la gestione delle loro scadenze.

Per poter sopperire alle necessità formative delle organizzazioni ci sono tutta una serie di strumenti ed agevolazioni come i bandi inter professionali.

Contattaci! Se vuoi valutare il livello di rischio della tua azienda e prevenire gli infortuni con una formazione specifica per la salute e la sicurezza sul lavoro.