La selezione e qualifica del consulente qualità ISO

Tra le figure necessarie ma anche impattanti nel raggiungimento degli obbiettivi aziendali, vi sono i consulenti esterni che offrono varie tipologie di servizi utili all’azienda. Cercheremo di delineare una semplice guida da seguire per un’organizzazione che debba scegliere, selezionare efficacemente ed effettuare la qualifica per il consulente per una certificazione di qualità secondo le norma Iso.

Le organizzazioni odierne vivono quotidianamente una battaglia per primeggiare sui competitor e produrre prodotti di qualità che incontrino la soddisfazione del cliente e rispettino i requisiti obbligatori applicabili al proprio contesto. Scegliere di implementare un sistema di gestione per una certificazione qualità servirà al raggiungimento di questo obbiettivo, fondamentale le aspettative di tutte le parti interessate.

La scelta, selezione e qualifica del consulente Iso è un processo al quale l’organizzazione deve prestare molta attenzione e non pensare solamente all’aspetto economico del servizio. Il consulente per la qualità ricopre un ruolo fondamentale per l’organizzazione in quanto grazie alla sua esperienza potrà trovare soluzione a delle criticità e o a prevenirle efficacemente, pertanto è uno degli aspetti che devono essere valutati nella fase della valutazione dei rischio.

I parametri di valutazione per la selezione di un consulente Iso

Vediamo quelli che secondo noi di Sistemi e Consulenze, devono essere i parametri minimi necessari che devono possedere i professionisti per dar modo all’organizzazione di effettuare una valutazione efficace per la  scelta e selezione di un consulente per una certificazione Iso:

  • Competenza ed esperienza – Scegliete un consulente Iso non per la simpatia o per l’amicizia e neppure per una referenza spesso non basata su dati di fatto. Il consulente per il raggiungimento di una certificazione qualità deve dimostrare un background coerente con le attività da effettuare. Questo background di esperienze deve essere comprensivo dei seguenti fattori:
      • Background scolastico;
      • Formazione specifica e riconosciuta sulle norme dei sistemi di gestione per la certificazione qualità che dovrà raggiungere;
      • Esperienze in azienda, consulenza, formazione ed attività di audit, sulle norme per la certificazione su scritte. In questo caso può essere utile richiedere l’elenco delle giornate uomo effettuate nelle aziende, oppure l’elenco degli obbiettivi raggiunti;
      • La visibilità che il professionista ha ricercando su testate, siti web del settore e profili social;
      • La presentazione delle assicurazioni necessarie in caso di controversie e responsabilità imputabili al consulente.
  • Orientamento al cliente – Valutare la capacità del consulente per la qualità inerenti a gli strumenti che ci mette a disposizione. Un aspetto importante da valutare sarà la completezza delle informazioni ed evidenze che fornisce. Lo sviluppo del servizio che dovrà effettuare presso l’organizzazione, se sarà coinvolgente in team con le risorse oppure no. Come ci presenterà il nostro progetto, la definizione degli step e degli obbiettivi fissati. Le modalità per la comunicazione e la reportistica e la capacità di potersi occupare di servizi complementari al servizio, come i rapporti con gli organismi di certificazione, clienti, fornitori di materie prime o servizi esterni come manutentori, laboratori di test ed analisi o professionisti del pest control;
  • Personalizzazione del servizio – Valutare la capacità del consulente che dovrà essere qualificato come fornitore per la consulenza sul raggiungimento dell’implementazione e della certificazione del sistema di gestione nella nostra organizzazione di effettuare un servizio secondo le nostre esigenze. Capacità di effettuare formazione in loco, o a distanza. Capacità e volontà di formare risorse interne per la gestione autonoma del sistema. Capacità di movimento sul territorio ove è sita l’organizzazione. Conoscenza delle lingue ove è sita l’organizzazione e per i mercati di riferimento.
  • Orientato al risultato – Valutare la capacità del consulente Iso di pianificare i propri risultati. Questo aspetto si può valutare anche alla  ricezione del preventivo richiesto per l’implementazione delle norme di certificazione. Tanto più sarà dettagliato, tanto più si potrà considerare il professionista una figura che ha la capacità di programmare i propri obbiettivi inerenti al risultato. Il tecnico che non avrà capacità di progettare un servizio da erogare, difficilmente avrà le capacità necessarie per valutare adeguatamente i nostri processi o analizzare le cause di accadimento di una non conformità;

Guida alla scelta selezione e qualifica del consulente qualità Iso

  • Costi – Non ci si deve basare sul prezzo per la qualifica di un consulente per una certificazione qualità. La scelta e qualifica di un consulente Iso deve essere fatta con coscienza in quanto un’errata valutazione non solo potrà far fallire il raggiungimento dell’obbiettivo della certificazione, ma può avere un impatto negativo sulla produzione dei prodotti e dei servizi erogati, rischiando anche di impattare sulla soddisfazione del cliente e sulla continuità lavorativa.
  • Capacità di rispettare le scadenze – Nessuno dovrebbe affidare la sua organizzazione ad una risorsa esterna che già dai primi contatti non sarà in grado di rispettare le scadenze da lui fissate. Le organizzazioni vivono di scadenze con i propri clienti spesso definite con penali di non rispetto. Non ci potrà essere nessuna collaborazione con chi partendo dalla fase di redazione ed invio di preventivo prenderà tempo e non ottempera alle scadenze e o promesse definite. Un’organizzazione che contatti un consulente Iso avrà necessità di migliorare e di velocizzare il raggiungimento dell’obbiettivo e non avere da questa figura delle criticità.

I quesiti per la scelta del giusto consulente

Come per la qualifica della fornitura di tutte le classi merceologiche e dei vari servizi acquistati, consigliamo di inserire nel questionario di qualifica del fornitore di outsourcing come consulente Iso i seguenti quesiti:

  • Quali sono le competenze specifiche per poter effettuare consulenza in merito alla certificazione qualità richiesta?
  • Quale storia ha la tua organizzazione o le esperienze effettuate come consulente?
  • Può fornirci recensioni e referenze dei clienti nel settore dove opera la nostra organizzazione?
  • Ha un sito web o gestisce dei profili social professionali?
  • Quanti risultati ha raggiunto?
  • La sua organizzazione ha un sistema di gestione qualità certificato per i servizi che eroga?
  • Come professionista ha una certificazione individuale?
  • Ha la capacità di fornire servizi personalizzati in azienda o effettua gran parte del lavoro in back office?
  • Quali sono i suoi punti di forza?
  • Ha proprietà di linguaggio nelle lingue straniere?

Quando si considera la necessità di rivolgersi e qualificate un consulente che ci guidi ed assista verso il raggiungimento di una certificazione Iso, è importante valutare ed avere un quadro generale. Purtroppo il mondo della consulenza è fatto spesso di farfalloni, Guru e millantatori, che si nascondono scaricando le responsabilità ed esasperando le organizzazioni alle quali spillano risorse inutilmente. E la perdita più impattante non è quella direttamente economica che è quantificabile, ma quella della perdita di tempo, causata da queste risorse, che spesso neppure se ne rendono conto, che è non quantificabile. Onde evitare di avvalersi di figure che non rispettano gli accordi professionali consigliamo sempre di effettuare precise valutazioni per queste risorse.

La gestione interna per il raggiungimento della certificazione qualità

Un’organizzazione ovviamente potrà anche scegliere di non affidarsi ad un consulente esterno per il raggiungimento di una certificazione qualità. In questo caso all’azienda consigliamo la creazione di un team interdisciplinare e di definire adeguatamente le mansioni aziendali e le responsabilità. L’organizzazione dovrebbe anche inserire nel piano di formazione aziendale dei corsi specifici sulle norme di certificazione da implementare, per avere la competenza necessaria per la progettazione si un sistema che rispetti tutti i requisiti applicabili.

CONTATTACI!! Se hai esigenza di effettuare la scelta, selezione e qualifica del consulente per la qualità Iso. Sistemi e Consulenze opera su tutto il territorio nazionale.

Ultimo aggiornamento il

Published by

Federico Pucci

Esperto consulenza direzionale organizzativa, implementazione sistemi di gestione per le certificazioni alle norme e standard qualità, ambiente, sicurezza, sicurezza alimentare, servizi di audit. Consulenza e formazione aziendale nelle aree salute e sicurezza sul lavoro, sicurezza alimentare, ambiente, privacy.