Test di Tranciabilità

I Test di tracciabilità nell’Industria Alimentare


L’articolo 18 del Reg CE 178/02 introduce i concetti della “rintracciabilità” degli alimenti e dei mangimi per tutti gli operatori che entrano in contatto con tali materie, lungo l’intera filiera produttiva dalla produzione agricola primaria, alla trasformazione ed alla distribuzione, ovviamente l’evoluzione di tali principi richiede test di tracciabilità efficaci nell’industria alimentare, per misurare le performance di tali requisiti, il regolamento cita:Test di Tracciabilità

“È disposta in tutte le fasi della produzione, della trasformazione e della distribuzione la rintracciabilità degli alimenti, dei mangimi, degli animali destinati alla produzione alimentare e di qualsiasi altra sostanza destinata o atta a entrare a far parte di un alimento o di un mangime.”

Come si procede per avere un sistema di tracciabilità efficace?

Innanzi tutto vanno chiarite alcune definizioni:

Lotto di produzione: Deve essere facilmente visibile, chiaramente leggibile e indelebile, si riconosce perché è preceduto dalla lettera “L”. È un codice di lettere e/o numeri che identifica un insieme di prodotti alimentari, fabbricati o confezionati in circostanze identiche.

Il lotto è determinato dal produttore o dal confezionatore o dal primo venditore, ed è l’elemento essenziale dell’etichetta che permette di garantire la rintracciabilità dei prodotti in caso di situazioni di pericolo reale o ipotetico per la salute del consumatore. Il lotto deve essere lo strumento di collegamento interno tra le materie prime, fornitore, ed il prodotto finito e  sottoprodotto, clienti.

Tracciabilità: il processo che si identifica da monte a valle, cioè la possibilità di tracciate le materie durante il processo produttivo partendo dalle materie prime sino ad arrivare al prodotto finito.

Rintracciabilità: il processo che si identifica da valle a  monte nel quale si ripercorre a ritroso il processo produttivo dal prodotto finito sino all’origine delle materie prime.

A questo punto un organizzazione deve, per garantire la tracciabilità dei propri prodotti:

  • Definire le modalità di lottizzazione ed identificazione delle materie prime, dei sottoprodotti, e della merce finita;
  • Definire i ruoli delle responsabilità relative a questo processo;
  • Effettuare formazione adeguata alle figure;
  • Definire un piano di di test di tracciabilità contemplando anche dei bilanci di massa e test di ritiro richiamo dei prodotti;
  • Definire i limiti di accettabilità di questi test e le azioni correttive da intraprendere in caso di risultati non soddisfacenti;

L’effettuazione di questi test deve essere fatta definendone le tempistiche e  raccogliendo evidenze sui vari prodotti nelle varie aree di produzione per esempio:

  • Documenti ingresso materie prime;
  • Schede tecniche prodotto, ricette;
  • Schede di lavorazione;
  • Numeri di emergenza;
  • Giacenze magazzini;
  • Documenti uscita prodotti finiti;

Eseguire dei test di tracciabilità ed effettuare dei bilanci di massa non solo è rispettare principi obbligatori, ma allinearsi ai concetti degli standard internazionali per sicurezza alimentare brc ifs.

Condividi
sistemi
sistemi
Sistemi & Consulenze Servizi Qualità Aziendale Implementazione Sistemi di Gestione per Certificazioni Qualità, Ambiente, Sicurezza, Food, Sociale, Servizi, Professioni, Consulenza e Formazione Aziendale Sicurezza sul lavoro, Igiene Alimentare, Ambiente, Privacy, Servizi di Audit.
x

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza di navigazione possibile su questo sito web. Accettando l'utilizzo dei cookie, ne confermi l'utilizzo su questo sito web.

Accetto Rifiuto Privacy Center Impostazioni privacy
X